05
Mer, Ott
2 New Articles

BARBARA RIZZO (Messina)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

Barbara Rizzo nata a Milazzo (Me) il 28 Gennaio 1982. Diplomata in moda e costume di arte applicate all’ I.S.A “ E. Basile “ di Messina. È appassionata sia di poesia, scrive soprattutto in vernacolo, sia di pittura e fotografia con apprezzata produzione. Vincitrice primo posto alla manifestazione estemporanea della Pro Loco di Spadafora (Me) nel 2005. Nel 2014 raggiunge il 4^ posto nella mostra dei presepi di Calvaruso (ME) con un dipinto su squarcio di botte di rovere. Ex caporale in congedo. La scrittrice Federica Bosco nel 2017 ha voluto inserire uno dei suoi racconti, pubblicato nella sua silloge su e-book “ Chi ce l’ ha più stronzo”. Nel 2019 riceve diversi riconoscimenti in campo poetico. Di versi e di prestigio i premi ottenuti oltre a pubblicazioni su riviste specializzate. Protagonista di diverse Vernissage di pittura, tra le quali “ Art event Internazionale D’arte Paris Centre Culturel France Chine – La Mediterranèe ecologique”.

~~~~~~~~~~

NOMI D’ UN EROI…PAPÀ

‘U quarantottu briscia
na creatura nascia.
Nasciu ‘nta na ciumara,
supra nà balla di ebba amara.
‘A fami a ddu’ tempu regnava sovrana
ma attia ‘a pruvvidenza nun ti mancava.
Chi vecchi piscaturi criscisti
ccu’ un cappeddu ‘i pani, saddi e ddu pumadoru sicchi.
Dopu da scola ti spittava ‘a funnaci
eri sulu un picciriddu, eppuru avii travagghiari.
U’ tempu passau e ti facisti ‘na famigghia,
criscennuti ddu’ figghi.. nu’ masculu eppuru na’ fimmina.
Puru malatu annavi ‘a travagghiari
pi nenti facci mancari.
Se putissi fari un nomi d’ un eroi,
jo facissi ‘u toi papà senza discussioni,
picchi’ l’amuri cchi ‘n hai datu
nun saravi mai scuddatu.
Puttroppu ‘a motti ti puttau luntanu i mia,
ma quannu ‘u suli si va’ ‘a cuccari,
jo chiudu l’occhi e ti vegnu ‘a ciccari
picchi’, puru chi sugnu ranni
mi manca ‘a to manu pi annari avanti.


NOME DI UN EROE.. PAPÀ

Il quarantotto spuntava/una creatura nasceva./Nacque dentro un fiume,/sopra un ammasso di erba amara./La fame a quei tempi regnava sovrana/ma a te la provvidenza non ti mancava./Con i vecchi pescatori sei cresciuto/con un a pagnotta di pane, sarde e due pomodori secchi./Dopo la scuola ti aspettava la fornace/eri solo un bambino, eppure dovevi lavorare./Il tempo è passato e ti sei creato una famiglia,/crescendoti due figli.. un maschio eppure una femmina./Pure ammalato andavi a lavorare/per non farci niente mancare./Se potessi fare un nome di un eroe,/io farei il tuo papà senza discussione,/perché l’ amore che ci hai dato/non sarà mai dimenticato./Purtroppo la morte ti ha portato lontano da me,/ma quando il sole si va ad addormentare,/io chiudo gli occhi e ti vengo a cercare/perché, anche se sono grande/mi manca la tua mano per andare avanti.

~~~~~~~~~~

U NOBILI CA CURUNA

Passa e spassa a unni ci pari
stu gran figghiu i bona matri!
Si senti spertu decidennu cu avi nominari
pi darci stu titulu nobiliari.
Stu titulu nobiliari amara a cu ci pigghia!
Pi cuntu mei ‘u po ghittari ‘nta na ‘ngagghja ,
picchì aunni passa tutti sutterra
peggiu di na bumba i guerra.
Ni cumminau comu a tanti cannaluvari
picchì tutti ca mascherina ama caminari.
Riflettennuci bonu,
stu nobili cacchi cosa na ‘nsignau
o si riccu o si povareddu… iddu pi tutti arruau.
Arruau mi ni ‘nsigna
chi semu tutti na vegogna!
Chi n’ avissimu tutti vuliri beni
abbrazzari e cunfuttari sempri.
Grazi a iddu ora sapemu quantu l’ amuri vali,
quantu cunta a libitta’ e caminari.
Quannu cadiravi sta curuna fussi a vota bona
chi pusamu sti cellulari e niscemu fora.
È’ fossi a vota bona chi cuminciamu a parrari
vaddannu ‘nta faccia i cristiani.
E se cchiù vulemu fari
abbrazzamuni e vulemuni beni quantu è ranni u mari.

~~~~~~~~~~

IL NOBILE CON LA CORONA

Passa e ripassa dove gli pare
questo figlio di buona madre!
Si sente esperto decidendo chi deve nominare
per dare questo titolo nobiliare.
Questo titolo nobiliare brutto chi lo prende!
Per conto mio lo può buttare in una fessura,
perché dove passa tutti mette sottoterra
peggio di una bomba da guerra.
Ci ha ridotti come a tante maschere
perché tutti con le mascherine dobbiamo camminare.
Riflettendoci bene,
questo nobile qualcosa ce l’ ha insegnata
o sei ricco o sei povero…lui per tutti è arrivato.
E’ arrivato ad insegnarci
Che siamo tutti una vergogna!
Che dovremmo tutti volerci bene
Abbracciarci e confortare sempre.
Grazie a lui ora sappiamo quanto l’ amore vale,
quanto vale la libertà e camminare.
Quando cadrà questa corona sarà la volta buona
che posiamo i cellulari e usciamo fuori.
Sarà la volta buona che iniziamo a parlare
guardando in faccia le persone.
E se di più vogliamo fare
abbracciamoci e vogliamoci bene quanto è grande il mare.

~~~~~~~~~~

UNA SIEPE DISTRUTTA

C’era una siepe oltre quei binari
non cespugliata e priva di rami.
Era assai lucente ed appuntita
con il tempo di porpora colorita.
Ogni speranza che vi varcava
nel cammino si frantumava.
Era un parco di brutto gioco,
ove il male regnava sovrano,
ove la regola era distruggere.
Ove le notti urlavano, e
le anime s’innalzavano nel vento
in una fitta nebbia di incenso.
L’età era irrilevante,
per tutti uguale…fantasia bianco e nera a righe.
Erano stormi di angeli fatti vita,
marchiati di una stella che non perdonava.
La mano amica
che la sofferenza loro leniva,
ove il sale sul loro viso appariva
simbolo di una dignità portata via.
27 gennaio 1945, quella siepe fu distrutta
e resa rigogliosa e fiorita.
Stormi di angeli esultarono in cielo,
per una sofferenza giunta ad una fine,
ove la dignità umana fu resa sovrana
e da lì non venne mai dimenticata.

 

 

PITTURA: "La sofferenza di Nettuno" - Acrilico, vernice trasparente e matita.
( 50 x 70 su tela)