05
Dom, Feb
3 New Articles

SILVIA GIAMPÀ (Merone, Como)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

Silvia Giampà, dopo la maturità scientifica, si laurea, con lode, in Giurisprudenza. Avvocato, iscritta alla Camera penale di Como-Lecco.
È titolare del corso “Diritto e processo penale” presso la Scuola in stile militare “Studenti con le Stellette” (studenti con le stellette.weebly.com).
Collabora con A.G.eD. (Associazione Giustizia e Democrazia) di Como che si occupa della promozione e organizzazione di eventi sui temi dei diritti e della legalità.
Ha già ricoperto cariche pubbliche.
Coltiva la passione per la scrittura di testi poetici. Le sue poesie sono state pubblicate in varie antologie, riviste letterarie e siti web. È stata inserita nella Enciclopedia Universale degli Autori italiani (Casa editrice Kimerik). La lirica “Poesia per gli ergastolani: noi non nasciamo colpevoli” è stata interpretata da Alessandro Quasimodo, figlio del Premio Nobel per la Letteratura Salvatore Quasimodo, e pubblicata nell’antologia Alessandro Quasimodo legge i Poeti Italiani Contemporanei (Aletti Editore).
È “Alfiere dell’Arte e della Poesia” (premio istituito dalla Accademia dei Bronzi di Catanzaro, 2021).
È stata nominata Presidente del Premio Letterario internazionale “Veritatis Splendor” dal dott. Valerio Giovanni Ruberto, Presidente Federale della Universum Academy Switzerland (2021).
Fa parte del progetto “Diritto Creativo” (ora “Diritto del pensiero e delle espressioni artistiche”), uno spazio di confronto volto a indagare le connessioni tra mondo giuridico e mondo artistico.
L’Associazione culturale “L’isola felice” e “La Union Mondial de poetas por la Paz Y la Libertad” (UMPPL) le hanno conferito il “Certificato d’onore” per “l’impegno e la dedizione profusa con passione e professionalità a favore dell’arte e la cultura nell’ambito internazionale” (2021).
Scrive per il quotidiano d’informazione “La Voce agli Italiani” e per il giornale “Il circolo di SCS” nella rubrica “Caffè Letterario”. Collabora con il sito “Diamo voce alla cultura”.
Ha pubblicato Ho raccolto i miei ultimi due versi (2020), Sillabe di Vita (con Carmelo Musumeci e suor Maria Grazia Colombo, 2020), D’amore la poesia (2021), Danza su petali di rosa (con suor Maria Grazia Colombo e Antonella Tamiano, 2021).
Scrive anche su temi inerenti alla professione legale.
Sta per pubblicare un libro, rivolto ai ragazzi, sul tema del diritto e del processo penale.

 

(Settembre 2021)

IO VEDO CON IL CUORE

Sorrido se ti abbraccio.
Sorrido se mi abbracci.
Vivo di mille colori
in un mondo sospeso nel cielo.
Sono fiore che germoglia
anche sotto la neve.
Porto luce negl’abissi.
Entro in punta di piedi
nelle anime che incontro
per non uscirne più.
Le mie parole
sanno di zucchero e miele.
Sono cristallo e diamante.
Sono farfalla che vola alto.
Vado oltre l’orizzonte.
Suono note magiche
che accarezzano
la perfezione.
M’hanno fatto un dono,
un cromosoma in più
e, da quando sono nato,

io vedo con il cuore.

 

 *************

TRA LE MANI ANCORA L’INCHIOSTRO

Abbandonavano i fiori le api,
tu coprivi rami spezzati e oblio
con chiome nuove e vita.
Le nostre labbra si posavano
su ceramica ardente,
colavano nel tè gli aromi del cuore.
Alle stelle e al vento
si confidavano ombre
sconosciute, artiche, senza veli.
Spargeva infinito l’azzurro
tra sguardi chiusi in un tempo angusto,
travolto dal tormento.
Impressioni come cicatrici di carta,
conchiglie orfane sulla spiaggia,
tra le mani ancora l’inchiostro.

 

*************

MAZZOLINO DI BUCANEVE

La mia ala immacolata
è stata macchiata
col rosso.

Ho bendato
gli occhi per non
vedere dolore.

La ferita dell’anima
toglie voce
a tutti i cieli…

ma custodisco
ancora il
mazzolino di bucaneve.