27
Ven, Nov
6 New Articles

MONICA MARIA BIAGGINI (Genova)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Mi chiamo Monica Maria Biaggini, sono nata cinquantuno anni fa a Genova, dove vivo.
Mi sono diplomata come Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere all'ITC Einaudi di Genova, da allora ho fatto tanti lavori acquisendo nozioni ed esperienza in vari settori: assicurazioni, recupero sinistri, contabilità, mostre e congressi, commercio, finché sono arrivata alla grande distribuzione, dove lavoro come cassiera.
Sono mamma di due splendidi ragazzi, Luca e Mirco, ormai grandi.
Ho sempre amato leggere, scrivere, dipingere, tutto ciò che è arte creatività mi coinvolge, ma solo da circa due anni ho cominciato ad imprimere nero su bianco quello che mi passava per la testa; ho incrociato per caso sul web la poesia giapponese haiku, mi ha molto intrigato tanto da solleticare in me l idea di mettermi alla prova. Ho letto molto sull'argomento e ho provato anche io ad imprimere su carta l'attimo. Come li definisco io, gli haiku sono “Pennellate di irripetibili istanti”. Ho così quasi per gioco cominciato a inviare lavori a vari concorsi letterari, riscuotendo con mio stupore molti consensi e ricevendo premi, menzioni e pubblicazioni. Ne cito alcuni più famosi “Ossi di Seppia”, “ Premio Stellina”, “Persephone”, “l’Arte in versi”, “I colori dell’anima”, “Le occasioni”, e molti altri.
Nel frattempo mi sono iscritta alla facoltà di Umanistica di Unite Genova, dove mi appresto ad affrontare l’ultimo anno. Ho pubblicato come autodidatta il libro “Acquerello di parole”, raccolta di haiku, il quale ricavato è stato da me devoluto all’AIL Alessandria. Ultimo, ma non ultimo mio impegno, del quale vado molto fiera, sono diventata prestatrice di voce per l associazione ADOV di Genova, più semplicemente presto la mia voce per la
lettura di testi per bambini e ragazzi dislessici e ipovedenti. Mi definisco una scrittrice per caso.....

Il pazzo marzo
Sonata del mattino
con pioggia e vento

***********

Aghi di pino
lucenti al primo sole
Tiepido maggio

***********
Anime sole
Improvviso tramonto
senza saluto.

***********
Tiepidi raggi
Cinguettii insistenti
chiedono cibo

***********

Bufera e vento
Scosse rosse corolle
piangono pioggia.

***********

Ricordo

Ora
ti cerco
negli sguardi persi
della gente che incontro
Malinconia