26
Gio, Mag
1 New Articles

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

SEZIONE A TEMA: "L'AMORE IN OGNI SUA FORMA"

Prima classificata
ROSITO TERESA “Vento del sud”

Seconda classificata ex aequo
ERCOLE PAOLA “La mia casa”
LIBERATORE ELISABETTA “Enrico”

Terzo classificato
GIOVANNINI LUCIANO “Sussurrami i tuoi anni felici”

Quarta classificata
DI CIOCCIO MARIELLA “Ci sono ricordi”

Quinta classificata
LA ROSA ANNA FRANCESCA “Affiderò questo amore”

Premio Presidenza della Giuria
CUTRUPI NATALE “Sorgerà il sole a Milano"
DE FELICE SANDRA “Poesia di novembre"
LO BIANCO LUCIA “La mia mano nella tua” (In ricordo di mia madre morta il 27 agosto 1996)
MORABITO CATERINA “Cent’anni di stelle”
VALERIO PATRIZIA “Inseguivo utopie”

Premio della Critica
CECCHELE MAURIZIO “Il respiro della mente"

Premio Erato
BONFILIO MARGHERITA “A mia madre"
COZZANI GABRIELLA “Amore nascosto"
FALCETTA GASPARE “Ascoltar la luna"
MASTROIANNI LAURA “Profumo di te”
MELCARNE IMMA “Vorrei”
PASCUZZO GIOVANNA “Senza fare rumore”

Premio Atlantide
ISSORF IGOR “Sogno d’amore"
LITTA DANIELA “Come Clizia”

Premio di merito "Perdersi nell'amore"
RADICA ANGELO “Approdo sicuro, futuro intrigante”
ROMITA VITO “Ancora infanzia”
SPATARU LILIANA “Ero la storia di allora”

Premio Speciale
AMELIO BIAGIO “Trischine”
ANGORI DOMENICO “ Lamento del fiume"
BACCI ALESSANDRO “Questo nostro amore”
BELGIOVANE MATTEO “Baci d’inchiostro”
CUMBO SIMONE “Fatevi amare”
DI PIETRO UMBERTO “Amore adolescente"
GALANTE GIANFRANCO “Sogno dipinto"
GARGANO ALFONSO “Un attimo d’amore"
MAZZOTTA ALESSANDRO “A te”
PAOLINELLI RENATA “Il mio cuore ti appartiene”
RUOCCO LUCIA “Romantica Amalfi”

Premio Keramos
LAUGELLI MAURIZIO “Mi ha guarito l’amore"

Premio serigrafisud
MEZZAPELLE VITO “L’amore per la donna” (in memoria di Clara Russo)
NATUZZI GIUSEPPE “Noi del creato”
PERRONE CETTI “Momenti felici” (a mio padre)
SABELLA MARIA CRISTINA “Di me…”
SIMBARI LUCA VINCENZO “Solo se tu volessi”
VOLPINI ALDO “Io…vorrei”

Menzione d'onore
ABBATE ANGELO “La casa abbandonata”
DI FRANCESCO LUISA “La scatola di latta”
DI PAOLO VALERIO “Da lontano”
FIORINO CARMELO “Fiore di maggio”
MACARIO PATRIZIA “A mio padre”

Menzione di merito
CANINO ANGELO “Un giorno di primavera"
CARLUCCI FRANCESCO “Eterno attimo”
CENCI PATRIZIA “Perdersi per amore"
FIORE FRANCESCO “Sono la luce del sole"
FRANZÈ ANTONIO “Ama l’arte"
GAZZARA SALVATORE “Sorrisi di mamma”
LA MOGLIE SALVATORE “Paese mio ti amo"
PACI GABRIELLA “Cosa resta di una storia d’amore che ha perduto l’amore?”
SPITALERI GIOVANNA “Un amore diverso”
TONIN SABRINA “Si farà sera”

Menzione
CACCAVALE ANNA “L’amore non ha età"
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Terra natia"
CAVALLONE PATRIZIA “Figli miei”
DENZA ADELE “Nelle pieghe del tempo"
FLAVIO ANTONIA “Il sentimento dell’amore"
GATTI ORNELLA “Tu!"
IACINO SERAFINA “Tu sai chi sono!”
LA FAUCI ROSARIA “Al mio papà"
MACRI’ GIOVANNI “Il magico cerchio della vita”
MAGAZZU’ GREGORIO “Mio Padre”
MELILLO MICHELE “La dormiente”
MODICA GIUSEPPE “Cantare amore vorrei”
PARADISO ANNALINA “Sintomi d’amore”
PERNA MARCO “Le tue labbra all’improvviso”
RIZZO BARBARA “Eterno amore”
RIZZO VALENTINA “Nel bacio del silenzio”
ROMANIELLO GIANNI “Nel mio petto piove amore”
SCELFO RITA “Sii Amore”

Diploma di merito
CASAVOLA VITO ENZO “Inno d’amore"
FINESTRONE GIUSY “Attimi senza tempo”
VENTICINQUE GIUSEPPE “Nuovo Amore”

Diploma
AMONO FRANCA “A Raffaella”
ANDRIOLO ATTILIO “Generazione Perduta”
BIAGGINI MONICA “Nodo” (gogyshi)
PARADISO SANTINA “L’amore è mutevole”

 

*****************

 

SEZIONE "LINGUA TALIANA"

Prima classificata
PERRONE CETTI “La rosa che non colsi”

Secondo classificato
ABBATE ANGELO “La radura del bosco di betulle”

Terza classificata
STEFONI LORETTA “Solo braci di pensieri" (Talebani a Kabul, una donna si racconta...)

Quarto classificato
DI PAOLO VALERIO “In ricordo di mio fratello”

Quinto classificatao
FIORINO CARMELO “L’ultima nota della tua voce” (In memoria di Clara Russo)

Premio Presidenza della Giuria
COLACRAI ROCCO DAVIDE “Canto dei miei 7 anni”
ROMANIELLO GIANNI “S’aprono sentieri del ricordo”

Premio Presidenza Atlantide
FINSTRONE GIUSY “Pensieri…”
PARADISO ANNALINA “Terra mia”

Premio della critica
LA ROCCA GIUSEPPE “Danzando sul filo del ragno”
POLIZZI GIOVANNI “Gabbia di cemento” (contro la violenza sulle donne)
VIZZINI PIETRO “La nota minima del flauto”

Premio di merito "Perdersi nell'amore"
PACI GABRIELLA “Mi rappresenta il pettirosso”
RIZZO VALENTINA “La valigia dei tuoi se”
SPANU TIZIANA “Non ti muovere”
SPITALERI GIOVANNA “Come una farfalla”
TOCCI ANTONELLA “Migranti”

Premio Speciale
LEO DONATO “Dipingere l’amore”
SCUOLA DELL’INFANZIA MONTELPARO - FM “Amicizia, sai cos’è”
VENTICINQUE GIUSEPPE “Una donna solitaria”

Encomio
ERCOLE PAOLA “I frutti della terra”
FRANZÈ ANTONIO “Il mio paese”
LIBERATORE ELISABETTA “Ti racconto un giorno d’estate”
LO BIANCO LUCIA “Incanto di parole ”
ROSITO TERESA “Senza ritorno” (ai malati di Alzheimer)

Premio serigrafico
PAJNO ANNAMARIA “Siamo viandanti”
PARADISO SANTINA “Ovunque vivo”
PIERGIGLI MATTEO "Letti sfatti"
RUSSO ROSETTA “Se avessi le ali”
STAITA MERELINDA “A mio Nonno”

Menzione speciale
BONFILIO MARGHERITA “Schiuma”
CANINO ANGELO “Il mare della speranza” (Il canale di
Sicilia)
CECCHELE MAURIZIO “Io e te…”
FESTI MORENA “Burro di ricordi”
FIORE FRANCESCO “Verso una nuova alba”
GIOVANNINI LUCIANO “Un qualunque Godot”
LA FAUCI ROSARIA “Mia luna”
LA ROSA ANNA FRANCESCA “Solitudine”
MACRÌ GIOVANNI “4 maggio 1949”
MAGAZZÙ GREGORIO “Fine estate"
MODICA GIUSEPPE “Heic Artemisia” (Gentileschi)
ROMITA VITO “Pasquale”

Menzione
BACCI ALESSANDRO “Acqua della stessa sorgente”
CACCAVALE ANNA “Le vie del cuore”
CARLUCCI FRANCESCO “Una luna come amica”
CENCI PATRIZIA “Vivi Ridi Ama”
DI FRANCESCO LUISA “Amarsi”
GALANTE GIANFRANCO “Perle in ombra”
GARGANO ALFONSO “Il milite ignoto”
ISSORF IGOR “Stagnante vita (stallo)”
MORABITO CATERINA “Nell’armonia di un angolo del cuore”
TONIN SABRINA “Ti porto addosso”

Diploma di merito
AMONO FRANCA “Addio belle giornate di sole”
BELGIOVANE MATTEO “Eterni”
DI PIETRO UMBERTO “La pioggia”
UNIDA GIGIA “Sempre tu”

Diploma
ANGORI DOMENICO “I valori della vita”
DENZA ADELE “Doppia faccia”
FOGGETTI MARIA “Oltre”
GAZZARA SALVATORE “Angelo solitario”
IACINO SERAFINA “Io sono fuoco”
LA MOGLIE SALVATORE “Per non dimenticare”
MAZZOTTA ALESSANDRO “Timor Speculorum”
MELILLO MICHELE “L’anno che verrà”
NATUZZI GIUSEPPE “Malefico straniero”
NOTTI MAURIZIO “T’amerò”
PAOLINELLI RENATA “Un viaggio lontano”
RUOCCO LUCIA “Costa Diva” (i luoghi del cuore)
SABELLA MARIA CRISTINA “Come un respiro di sola andata”
SCELFO RITA “Il mosaico della pace”
SIMBARI LUCA VINCENZO “Rinascita”
VALERIO PATRIZIA “Il bucato”
VOLPINI ALDO “Balla Bella”

 

*****************

 

SEZIONE "VERNACOLO"

Primo classificato
FRANZÈ ANTONIO “Terra 'Ngrata”

Secondo classificato
CRISEO ROCCO “Terra mia”

Terzo classificato
CANINO ANGELO “Ugne ttanti pìanzu”

Quarta classificata
CAVALLONE PATRIZIA “Je e nonne e ‘a piccirella”

Quinta classificata ex aequo
DENZA ADELE “Telefono muto”
UNIDA GIGIA “De tui”

Premio Presidenza atlantide
MAGAZZU’ GREGORIO “’A preghera dù péscaturi”
NOTTI MAURIZIO “A felicità”

Premio speciale della Giuria
MARINO ANTONIO “U granni acrobata”

Premio Atlantide
MELILLO MICHELE “Napule chiagne ancora”
PARADISO SANTINA “L’amuri cummoglia”

Encomio
MODICA GIUSEPPE “'A valìggia re' 'rrivuòrdi”

Premio Serigrafisud
GAZZARA SALVATORE “Terra calurusa”
LA FAUCI ROSARIA “Sicilia Bedda”
ROMITA VITO “Luna piena”
SCELFO RITA “E ci fu l’infernu” (sulle orme di Dante)
SECCI GIANCARLO “Bisu”

Menzione di merito
DI PIETRO UMBERTO “Crausura”
FIORINO CARMELO “L’urtimu piscispata”
MACRI’ GIOVANNI “Lu Mungibeddu” (L’Etna)

Menzione
AMELIO BIAGIO “’U futuru”
CUTRUPI NATALE “Carni rrussa e ‘nsaccata”
INSOLITO GIUSEPPE “O mestier do Tiemp”
ISSORF IGOR “E lupi cor soriso dorce”
MAZZOTTA ALESSANDRO “Arriva lu Natale”
TONIN SABRINA “Fin a perdàr la razòn”

Diploma
LAUGELLI MAURIZIO “Mi sanau l’amora”

Attestato di partecipazione
TORCHIA MICHELE "Tempu de promavera"
CONTE FILOMENA "Sulitariu"

 

*****************

 

SEZIONE "VIDEOPOESIA"

Prima classificata
SCHIENA IMMACOLATA “Lettera ad un padre"”

Seconda classificata
DI FRANCESCO LUISA “Il fremere del mio cuore”

Terza classificata ex aequo
BUCCI ALESSANDRA “Malinconia d’autunno”
CARLUCCI FRANCESCO “E’ bella mia madre”

Quarta classificata
CAMPAGNIA E. GRAZIELLA “L’ombra e l’infanzia”

Quinto classificato
FIORE FRANCESCO “Sotto il lume dei dolci ricordi”

Premio della Giuria
SIMBARI LUCA VINCENZO “A Venezia”

Premio Erato
CACCAVALE ANNA “Una notte agitata”

Encomio
CAVALLONE PATRIZIA “Il tempo è volato”
LO BIANCO LUCIA “I bambini di Auschwitz”

Premio Serigrafisud
GATTI ORNELLA “Alla fine del tempo”
PEPPE ALTIMARE “Resilienza”

Menzione di merito
PERRONE CETTI “Frutti della madre terra”
FRANZE’ ANTONIO “Non mi cercare”
GALANTE GIANFRANCO “Ch’amor consente”

Diploma
DI PIETRO UMBERTO “La più bella poesia”
ISSORF IGOR “Quando ti incontrerò stasera”

 

*****************

 

SEZIONE "HAIKU"

Prima classificata
CAV ALLONE PATRIZIA

Seconda classificata ex aequo
CENCI PATRIZIA
SCELFO RITA

Terza classificata ex aequo
IACINO SERAFINA
MODICA GIUSEPPE

Quarto classificato
CUT RUPI NATALE

Quinta classificata ex aequo
BIAGGINI MONICA
MACARIO PATRIZIA

Premio Presidenza della Giuria
GAZZARA SALVATORE

Encomio
MORABITO CATERINA

Menzione di merito
ERCOLE PAOLA
LA ROCCA GIUSEPPE

Diploma di merito
DONATO LEO

Diploma
ISSORF IGOR
NATUZZI GIUSEPPE
SECCI GIANCARLO

Attestato di partecipazione
LA MOGLIE SALVATORE
PARADISO SANTINA
RUSSO ROSETTA
SIMBARI LUCA VINCENZO
ZAPPALÀ LUCIA

 

*****************

 

SEZIONE "RACCONTI BREVI"

Prima classificata
PELLICCIONE MONICA “All’ombra della Jenca”

Seconda classificata ex aequo
DE MARCO MARIA CONCETTA “Emmanuel”
TONIN SABRINA “Vorrei perderti per cercarti ancora”

Terzo classificato
MACRÌ GIOVANNI “Elementari”

Quarta classificata
LO BIANCO LUCIA “Una strana magia di Natale”

Quinto classificato
MODICA GIUSEPPE “Il piccione e l’ammalato” (…da una storia vera)

Premio Presidenza della Giuria
FESTI MORENA “Nel blu”
LA MOGLIE SALVATORE “Luigi di Maddalena”

Premio della Giuria
DI FRANCESCO LUISA “Il silenzio”
FLAVIO ANTONIA “Ricordo di un carnevale”
GATTI ORNELLA “Il flusso della vita”
ISSORF IGOR “Il sentire del cuore”

Premio Erato
ANDRIOLO ATTILIO “Amauri”
BLUNDA ANTONIO “Malagrino ed Elidòra”

Premio Atlantide
DI PIETRO UMBERTO “Ricordi di collegio”

Premio Speciale
NATUZZI GIUSEPPE “I due coniugi solitari”

Premio Serigrafisud
CASAVOLA VITO ENZO “’U cicr gnur (il cece nero)” storia vera

Menzione di merito
GIUBILEI VINCENZA “Il gatto rosso”
LA ROSA ANNA FRANCESCA “Ritorno a casa”
PACI GABRIELLA “La stella del destino”

Menzione
BONFILIO MARGHERITA “Acquario”
COZZANI GABRIELLA “Un tuffo lontano”
PAOLINELLI RENATA “Borderline”
SCELFO RITA “Quando scopri il mare

Diploma
IANNETTA PATRIZIA “Un amore oltre l’eternità”

 

*****************

 

SEZIONE "PITTURA"

Prima classificata
TERESA RIZZO “La Santa Famiglia”

Seconda classificata
TONIN SABRINA “Il ricamo prezioso della vita”

Terza classificata
GIUBILEI VINCENZA “Abbraccio”

Quarta classificata ex aequo
IACINO SERAFINA “Aspettando primavera”
LA FAUCI ROSARIA “Tramonto”

Quinta classificata ex aequo
BIAGGINI MONICA “Saudade”
SABELLA MARIA CRISTINA “Magica notte”

Premio Presidenza della Giuria
PERNA MARCO “Pénombrée”

Menzione di merito
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Adamo ed Eva e la tentazione”

Diploma
INSOLITO GIUSEPPE "Curvatura matrice spazio tempo"

Attestato di partecipazione
MANCUSO AGNESE "Primavera"
PERRI ADRIANO "Campo estivo"
LABANCA CLAUDIA "Grigiore autunnale"
VECCHIO ELISA "Terra di sole"
LORUSSO NINO "Nevischio"


*****************

 

SEZIONE FOTOGRAFIA "L'AMORE IN OGNI SUA FORMA"

Primo classifocato
MACRÌ GIOVANNI “Amore ogni oltre barriera”

Secondo classificato ex aequo
CACIOPPO MAURIZIO “Passion”
FIORINO CARMELO “Amore senza ipocrisia”

Terza classificata
CAVALLONE PATRIZIA “All’ombra della famiglia”

Quarta classificata ex aequo
PACI GABRIELLA “Feeling” (sentimento d’amore)
SCELFO RITA “Dolcezza”

Quinta classificata
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Mongiello e il suo pennacchio fumante” (l’amore per il mio vulcano Etna)

Premio di merito "Perdersi nell'amore"
RIZZO BARBARA “Bisou sur la Seine”

Premio Speciale
AMONO FRANCA “L’amore di nonna “ (io e il mio primo nipote)
INSOLITO GIUSEPPE “La dolcezza immensa”

Premio Serigrafisud
RUOCCO LUCIA “Primavera dell’amore” (Amalfi)

Menzione d'onore
CUTRUPI NATALE “Amore in acrobazia”

Menzione
DI PIETRO UMBERTO “Sera di Natale”
GAZZARA SALVATORE “Insieme dove ci porta la vita”
GIUBILEI VINCENZA “Gabriele con la mamma”
IACINO SERAFINA “Essere padre”
MODICA GIUSEPPE “Amore di pietra”
SABELLA MARIA CRISTINA “Insieme & Eternamente”

Diploma
AMELIO BIAGIO “Amore-Complicità” (madre-figlio)

Attestato di partecipazione
CAPUTO VITTORIO "Immenso amore"
RIZZO ANGELA "Lacrime"
RUSSO ILARIO "Occhi spenti"
SANTORO GIOVANNI "Mamma ti amo"

 

*****************

 

SEZIONE "ARTICOLO GIORNALISTICO"

Prima classificata ex aequo
PACI GABRIELLA “Perdersi nell’amore a 93 anni? Accade e l’innamorato vuole il divorzio”
ZAPPALÀ LUCIA “Quando le parole ti salvano la vita”

Seconda classificata
GATTI ORNELLA “SAMAN ABBAS l’ultima vittima di una lunga scia di sangue”

Terzo classificato ex aequo
MACRÌ GIOVANNI “Catania / Ancora un femminicidio: Ada Rotini a Bronte uccisa dal marito con decine di coltellate”
MODICA GIUSEPPE “Esplosione in provincia di Agrigento in Sicilia: probabile fuga di gas dal metanodotto, devastato un intero quartiere”

Quarta classificata
FOGGETTI MARIA “Il dramma silenzioso dei padri separati”

Quinta classificata
DODARO ELVIRA “Il David di Michelangelo” storia e curiosità

Premio Atlantide
LA MOGLIE SALVATORE “La poetica della parola come diga alla guerra della vita e dell’amore per e tra gli uomini nell’opera L’amore è una guerra di Martin Palmadessa”

Encomio
LO BIANCO LUCIA “Pennellate di colore nel vento”

Premio Serigrafisud
BONFILIO MARGHERITA “Gaudì, vita e morte di un genio”
PAOLINELLI RENATA “AFGHANISTAN –“Le donne illuse e riconsegnate ai carnefici per avere tolto il burqa”
SCELFO RITA “Torna in Sicilia Clelia Canè”
SPITALERI GIOVANNA “La tomba di Giganti”

Menzione di merito
BELGIOVANE MATTEO “La poesia: la magia di un foglio bianco”
CAVALLONE PATRIZIA “Il suicidio”
CUTRUPI NATALE “L’albergo veneto trentino dopo il terremoto del 29 dicembre 1908”

Diploma
IACINO SERAFINA “Ancora una volta”

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

MAURIZIO CECCHELE
Primo classificato nella sezione INEDITA

- ALTER EGO -

Al di là di questo essere,
del suo divenire
nelle sue passioni ...
Al di là di questo spazio ...
di questo tempo ...
In un altro dove ...
un altro quando ...
Rivestiti da diversa esistenza
e dissetati di verità
alla Fonte del Sapere ...
Là dove si innalza
l'amor che or ci muove
e senza una fine
si erge ad essenza ...
Come salmoni
siamo destinati là,
da dove viene l'uomo
che mi abita dentro.

_____________________________________________________________________________________________________________

La poesia serve anche per indicare delle strade, per prefigurarsi un altro “mondo” e questo componimento lo fa ad iniziare dall’anafora presente nei primi quattro versi (Al di là) e continua con varie riprese (altro; altro; là; là; dove; dove). Anche il lessico diviene più concettoso (essere, divenire, spazio, tempo, esistenza, verità, essenza): è questo il luogo ove siamo destinati? È questa la sede alla quale dobbiamo ritornare? Molto suggestivo il percorso delineato e il fine ultimo dell’uomo.

Francesco Martillotto

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

CATERINA MORABITO

Prima classificata ex aequo nella sezione Edita

PANE E ANIMA

L'azzurro invade incurante il cielo,
assapora l'orizzonte scandagliando gomitoli di nuvole;
silenzia il grano arruffato dal vento,
oro prezioso tra le finestre del sole,
ove ricami tremuli frastornati e perpetui
dilettano docili papaveri rossi.

La solitudine è nei campi carica di polvere e sospiri.
Dio benedica il contadino quando sminuzza e frantuma il terreno,
a suo modo scrive, dipinge e sparge i semi.

Tutto avrà un sonno lungo e breve.

Cadon le foglie, giace la neve, dolce il tepore accarezza teneri germogli
e falce in mano stanno i covoni a rimirar le stelle.

Arpeggia Giugno ogni fiato, ogni passo , ogni cuore
e in un sacco di juta riposa il chiarore .
Dio benedica il profumo fragrante che si sperde all'alba nella via,
odora di forno a legna ,
un taglio a croce ansito d'amore , una carezza e cosi sia.
___________________________________________________________________________________________

Un componimento visivo che ci riporta alle nostre radici e al mondo agreste: l’aggettivazione è spesso aulica e personifica il sostantivo (il grano arruffato; docili papaveri rossi; il tepore accarezza teneri germogli) facendo rivivere i paesaggi descritti. I versi lunghi sono scorrevoli perché ogni azione è sorretta dal verbo confacente creando dei quadretti, come un idillio, in cui il lettore può ritrovare serenità e quiete.

Francesco Martillotto

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ROCCO CRISEO
Primo classificato nella sezione VERNACOLO

TERRA D’AMURI

Calabria chi mi dasti li natali
e mi ndotast’i boni sentimenti,
cu li to’ cimi e cu li to’ fundàli,
si terra tuni di ngegnusa genti.

Si tu signata di tanti culuri,
di celu zzurru e mari cristallinu,
di facci bruschjiati di caluri,
di brazza forti e ciriveddu finu.

Eu mi criscìa mbivend’a la to’ vina
e di li minni toi, nipiu ddattai,
di la muntagna sin’a la marina,
cu li to’ frutti eu mi sazziai.

E cchjù ti guardu ora, terra mia
e cchjù lu cori meu s’jinchi d’amuri,
ssittatu vogghju stari ansem’a ttia,
mi sentu la to’ vuci, u to’ sapuri.

Pe to’ rribbati vogghju sempri jiri,
undi lu sceccu mangia la ficara
e pe mmi viju lestu a lu chjovìri,
calari li gadduni a la hjumara.

Voliva mi nci fazzu na carizza,
a tutt’i nnamurati di sta’ terra,
di chistu locu chinu di bellizza,
ca cu li grazi soi tutti ssutterra.

E poi di cori eu vogghju mbrazzari,
a tutt’i figghji toi chi su’ luntani,
chi chin’i chjantu t’epper’a dassari,
pe lu bisognu di nu morz’i pani.

Ca certu non si sapi undi nascimu,
né quali fruttu duna la simenza,
si sempr’o stessu postu rimanimu,
o si la sorti noscia è la spartenza.

Ma puru si tu giri u mundu ‘nteru
e vidi terri ca resti ‘ncantatu,
u locu undi curri u to’ penseru,
è sempri chiddu aundi tu si natu!


TERRA D’AMORE

Calabria che mi hai dato i natali
e mi hai dotato di buoni sentimenti,
con le tue cime e con i tuoi fondali,
sei terra tu di ingegnosa gente.

Sei tu segnata di tanti colori,
di un cielo azzurro e un mare cristallino,
di facce bruschiate dal calore,
di braccia forti e di cervello fino.

Sono cresciuto bevendo alla tua vigna,
e dal seno tuo, bambino mi allattai,
dalla montagna fino alla marina,
con i tuoi frutti mi sono saziato.

E più ti guardo ora, terra mia
e più il cuore mio si riempie d’amore,
seduto voglio stare insieme a te,
per sentire la tua voce, il tuo sapore.

Per i tuoi luoghi voglio sempre andare,
dove l’asino mangia all’albero di fico
e per vedere lesto quando piove,
scendere a valle ruscelli e fiumare.

Volevo fare una carezza,
a tutti gli innamorati di questa terra,
di questo posto pieno di bellezza,
che con le sue grazie supera a tutti.

E poi di cuore voglio abbracciare,
a tutti i figli tuoi che sono lontani,
che dolenti hanno dovuto lasciarti,
per guadagnarsi un tozzo di pane.

Perché non sappiamo dove nasciamo,
né quale sarà il nostro futuro,
se rimaniamo sempre nello stesso posto,
o se il destino nostro è andare via.

Ma pure se tu giri il mondo intero
e vedi terre che rimani incantato,
il posto dove corre il tuo pensiero,
è sempre quello dove tu sei nato!

__________________________________________________________________________________________________________

Una lode alle bellezze paesaggistiche, ai colori, ai sapori del luogo natìo è questo componimento in cui la Calabria, nonostante a volte ci si debba allontanare da essa per lavoro, rimane nel pensiero e nel cuore. L’appartenenza è per sempre, essendo “intriso” dalle caratteristiche proprie di questo lembo di terra, in cui si passa dal mare alla montagna. La lettura è fluida in virtù della musicalità data dalla rima calzante e dalle tante allitterazioni che il vernacolo riesce, in maniera del tutto naturale, a proporre.

Francesco Martillotto

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

GIUSEPPE MODICA
Primo classificato nella sezione RELIGIOSA

URBI ET ORBI

Venne sera e,
sotto il pianto del cielo,
pietre antiche contarono passi stanchi,
guidarono il candor di seta marezzata
tra il bene e il male;
giunti al bagnato Cristo, il silenzio,
s'unì all'irreale oblio del mondo.
Vite nel buio perse
stettero impietrite al fischio,
al lampeggìo inibite, mentre,
un sacro bronzo il Lete rallegrò.
Il Santo Padre, inerme,
al centro dello spazio vuoto,
disegnò una croce e,
sussurrando al vento
l'urbi et orbi,
ogn'uomo assolse.
Scorsero lacrime dentro le case.

_________________________________________________________________________________________________________

Il componimento è fortemente icastico grazie ai verbi adoperati e alle azioni che si susseguono incalzanti: dal momento iniziale di smarrimento collettivo si erge e viene fuori la figura del Santo Padre che riempie il vuoto spazio con la croce. Il simbolo della cristianità fortifica e ricompatta, le lacrime accomunano, la vita ricomincia, il bene vince sul male.

Francesco Martillotto

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

STEFANO PERESSINI
Peimo classificato nella sezione "A Tema": L'amore

ESISTI (A Patrizia)

Guardo
e ti ritrovo
dentro una nube di pensieri,
tu che esisti
in ogni esterrefatto compimento
d’un’idea che nasce sola
e schianta
convinzioni esasperate,
in limine al procedere
di scelte coraggiose.

La luce che repentina spiove
a inondare il selciato, sfiorando
quel muro basso di pietra,
avvampa il mio giorno
di riflessi strani.

Esisti
in un raggio
che filtra tra le mani,
in un arcobaleno che si scioglie
addosso a un foglio bianco.

Non penso,
nell’ora che freme di foglie
e di brezze leggere,
che al caldo sorriso
d’un giorno a febbraio.
Posso aspettare e contare
le ore che mancano
al tornar della sera
che da sempre lenisce
le mie tante ferite.

Esisti
nel sopirmi poi sereno
e nel sogno
che all’alba ricordo
quando apro gli occhi e ti vedo.


_________________________________________________________________________________________________________

Un componimento che, costruito su versi brevi, lessicalmente coniuga tradizione ed innovazione: i classici limine, repentina, freme, lenisce si fondono con termini dello spettro poetico attuale. Le strofe sono connesse tramite l’anafora che dà il titolo alla poesia (Esisti) e le immagini create sono fortemente icastiche (la luce che spiove; un raggio che filtra tra le mani). L’ultimo verso rinforza ulteriormente l’azione dell’esistere tramite il vedere (apro gli occhi; ti vedo).

Francesco Martillotto

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ALFONSO GARGANO
Prino classificato nella sezione FILASTROCCHE

LA GRAMMATICA

La grammatica e la punteggiatura
non sono una semplice sutura.
Una virgola messa in posizione
cambia il senso di una discussione.
Punto, punto interrogativo ed esclamativo
se hanno nomi diversi ci sarà il motivo.
L'acca, poverina, sarà anche muta
ma non può essere una sconosciuta.
I dialetti locali sono pittoreschi e tanti
chi dimezza chi raddoppia le consonanti.
E non parliamo dell'accento,
per tanti un vero tormento.
Spesso se la ride giulivo
il misterioso congiuntivo.
La grammatica sarà anche complicata
ma, comunque, va sempre applicata.

____________________________________________________________________________________________________________

Il componimento poggia, come deve fare la filastrocca, sulla rima e sulla musicalità che imprimono un ritmo cadenzato e rapido, l’uso delle figure retoriche (tra cui l’allitterazione e l’assonanza) è particolarmente appropriato all’argomento trattato poiché viene messo in atto un preciso campo semantico inerente alla grammatica (punteggiatura, virgola, punto, acca, accento, congiuntivo). Ne esce fuori una filastrocca didascalica e divertente.

Francesco Martillotto

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

COSETTA TAVERNITI
Prima classificata es aequo nella sezione EDITA

NEGLI OCCHI DI MIA MADRE

Ho scrutato negli occhi di mia madre,
perle rese opache oramai
dalla polvere degli anni.
Volevano parlarmi,
Ho indugiato in essi,
che bei tempi ho rammentato!
Giorni di infinita tenerezza,
Natale di semplici doni,
Di attese e di preghiere,
tramonti di vita giocondi e sereni,
al focolare che ardeva.
Che tempi negli occhi di mia madre!
Pari al motivo di un'antica canzone,
risento il croccante e caldo pane
il tintinnio delle stoviglie.
Noi, come petali alla corolla,
rivedo raccolti a desinare,
a trascorrere gaia la sera,
intavolare discorsi e risposte
alle mille domande d'un padre
dal cuore inquieto.
Quel tempo s'è fermato
negli occhi di mia madre,
nei miei, oggi, non si legge uguale storia.
Una luce più flebile accompagna
ed illumina l'altare del mio tempo,
un tempo senza più tempo,
in cui frenesia e fretta
firmano patti col cronometro del vento,
e smembrano il viso alla calma e al sorriso.
Pur quel tavolo a cena divenne più solo,
senza olezzanti profumi di cose genuine,
senza taglieri, senza parole.
__________________________________________________________________________________________________________

Il componimento, come l’ekphrasis, parte dal guardare negli occhi di una mamma per ritornare a descrivere un mondo ormai che si sta dissolvendo: è una laudatio del tempo trascorso, un tempo in cui la semplicità era gioia e felicità Ora frenesia e fretta, mancanza di dialogo spingono avanti un tempo che tale non è più perché non lo si assapora, non lo si vive con la lentezza che gli sarebbe dovuta. Come gli occhi hanno perso quella loro brillantezza anche il nostro tempo trascorre nell’ombrosità.

Francesco Martillotto

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Il Premio artistico letterario online, promosso dall'associazione "ATLANTIDE - Centro studi nazionale per le arti e la letteratura" e dal gruppo "Apri il cuore alla poesia", con il patrocinio di diverse associazioni culturali, si articola in 13 sezioni:

a) POESIA A TEMA: "L'AMORE"
Le liriche, redatte con libertà di stile e di metrica, devono porre l'accento sull'importanza dell'amore in ogni sua forma ed espressione (amore tra due persone, per un genitore, per un figlio, per il proprio paese natio, per la natura, per gli animali, ecc.);

b) POESIA IN LINGUA ITALIANA EDITA
(a tema libero, senza limiti di lunghezza);

c) POESIA IN LINGUA ITALIANA INEDITA
(a tema libero senza limiti di lunghezza) ;

d) POESIA IN VERNACOLO
(a tema libero, senza limiti di lunghezza, con relativa traduzione) ;

e) POESIA RELIGIOSA
(in lingua italiana, a tema libero, senza limiti di lunghezza);

f) SEZIONE VIDEOPOESIA
(a tema libero, durata audio/video 5 minuti, titoli compresi, pubblicata su youtube);

g) HAIKU

h) RACCONTI
(a tema libero, in lingua italiana, editi o inediti, senza limiti di lunghezza);

i) FAVOLE
(a tema libero, in lingua italiana, editi o inediti, senza limiti di lunghezza);

l) FILASTROCCHE
(a tema libero, in lingua italiana, edite o inedite, senza limiti di lunghezza);

m) LIBRO EDITO DI POESIA
(a tema libero, in lingua italiana. Sono ammessi solo file in pdf);

n) PITTURA
Sono ammesse tutte le tecniche pittoriche (olio, acrilico, inchiostro, vinile, acquerello, grafite, matita, etc.), su qualsiasi supporto (tela, carta, legno, plastica, ferro, pietra, etc.) e valorizzati tutti gli stili ritrattistici, in piena libertà espressiva. La fase di selezione avviene sulla base del materiale fotografico inviato dai partecipanti al momento dell'iscrizione. Ogni autore dovrà inviare via E-MAIL un'immagine (formato JPG) di una propria opera pittorica, con il titolo e le indicazioni circa la tecnica e le dimensioni);

o) FOTOGRAFIA
(Si può partecipare con un'opera fotografica, a tema libero, a colori o in bianco e nero, in formato jpg, accompagnata dal titolo).

COME PARTECIPARE
- Tutti gli elaborati vanno inviati entro venerdì 31 luglio 2020 al seguente indirizzo di posta elettronica:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- Gli interessati devono allegare: domicilio, foto personale, indirizzo di posta elettronica e numero telefonico.
- Il materiale inviato va scritto in word.
- La quota di partecipazione, da intendersi come contributo spese, ammonta a 5 euro per ogni sezione. Coloro che decideranno di iscriversi all'associazione hanno diritto ad uno sconto del 20%.
- Il versamento va effettuato sul Conto Banco Posta N. 001050304771, intestato a: "Atlantide" - Centro studi nazionale per le arti e la letteratura; codice Iban: IT11T0760116200001050304771. La ricevuta dell'avvenuto pagamento va trasmessa all'organizzazione al momento dell'iscrizione.

GIURIA TECNICA
Il giudizio della commissione, composta da membri di provata competenza nei settori dell'editoria, della narrativa, della poesia, del mondo accademico, è inappellabile ed insindacabile.

SELEZIONE
Le opere pervenute saranno contrassegnate da un numero (prive, quindi, delle indicazioni sul nome dell'autore) e verranno votate dalla commissione giudicatrice che provvederà a scegliere i finalisti.

FINALISTI, VINCITORI E PREMI
Verranno premiati i primi 10 (dieci) classificati per ogni sezione.
Ai vincitori verrà assegnata un'opera scultorea dell'artista calabrese Telemaco Tucci.
Saranno consegnati, altresì, encomi, menzioni e diplomi.

Sono previsti 5 (cinque) premi speciali, "Perdersi nell'amore", che saranno conferiti da una giuria popolare dislocata in tutta la penisola.

Le spese di spedizione per l'invio dei riconoscimenti saranno a carico dei partecipanti, che verranno quantificate al momento dell'invio.

La proclamazione dei vincitori è prevista per martedì 25 agosto, a partire dalle ore 17, sulla pagina del gruppo "Apri il cuore alla poesia".

Ogni iscritto, partecipando a questa rassegna, dichiara di essere a conoscenza del bando e di accettarne tutte le norme. Dichiara, altresì, che le opere spedite sono frutto esclusivo del proprio ingegno e che accetta il trattamento dei propri dati personali ai sensi della D.Igs 196/2003. 

La scultura realizzata dal maestro calabrese Telemaco Tucci 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

SIMONETTA SARCHI
Prima classificata nella sezione HAIKU

La coccinella
persa nel labirinto
Rosa sbocciata
_______________________________________________________________________________________________________

Due grandi immagini visivamente forti e colorate per uscire dallo smarrimento (il labirinto): la speranza e la tenacia, la forza e la fiducia sono i nostri fari affinché proprio come la rosa la Vita possa sbocciare, possa rinascere sempre dopo ogni difficoltà.

Francesco Martillotto