22
Gio, Ott
14 New Articles

IV° Premio artistico letterario "Perdersi nell'amore" / Nota critica del professor Francesco Martillotto alle liriche prime classificate

Perdersi nell'amore
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

CATERINA MORABITO

Prima classificata ex aequo nella sezione Edita

PANE E ANIMA

L'azzurro invade incurante il cielo,
assapora l'orizzonte scandagliando gomitoli di nuvole;
silenzia il grano arruffato dal vento,
oro prezioso tra le finestre del sole,
ove ricami tremuli frastornati e perpetui
dilettano docili papaveri rossi.

La solitudine è nei campi carica di polvere e sospiri.
Dio benedica il contadino quando sminuzza e frantuma il terreno,
a suo modo scrive, dipinge e sparge i semi.

Tutto avrà un sonno lungo e breve.

Cadon le foglie, giace la neve, dolce il tepore accarezza teneri germogli
e falce in mano stanno i covoni a rimirar le stelle.

Arpeggia Giugno ogni fiato, ogni passo , ogni cuore
e in un sacco di juta riposa il chiarore .
Dio benedica il profumo fragrante che si sperde all'alba nella via,
odora di forno a legna ,
un taglio a croce ansito d'amore , una carezza e cosi sia.
___________________________________________________________________________________________

Un componimento visivo che ci riporta alle nostre radici e al mondo agreste: l’aggettivazione è spesso aulica e personifica il sostantivo (il grano arruffato; docili papaveri rossi; il tepore accarezza teneri germogli) facendo rivivere i paesaggi descritti. I versi lunghi sono scorrevoli perché ogni azione è sorretta dal verbo confacente creando dei quadretti, come un idillio, in cui il lettore può ritrovare serenità e quiete.

Francesco Martillotto

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS