22
Gio, Ott
14 New Articles

IV° Premio artistico letterario "Perdersi nell'amore" / Nota critica del professor Francesco Martillotto alle liriche prime classificate

Perdersi nell'amore
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

ROCCO CRISEO
Primo classificato nella sezione VERNACOLO

TERRA D’AMURI

Calabria chi mi dasti li natali
e mi ndotast’i boni sentimenti,
cu li to’ cimi e cu li to’ fundàli,
si terra tuni di ngegnusa genti.

Si tu signata di tanti culuri,
di celu zzurru e mari cristallinu,
di facci bruschjiati di caluri,
di brazza forti e ciriveddu finu.

Eu mi criscìa mbivend’a la to’ vina
e di li minni toi, nipiu ddattai,
di la muntagna sin’a la marina,
cu li to’ frutti eu mi sazziai.

E cchjù ti guardu ora, terra mia
e cchjù lu cori meu s’jinchi d’amuri,
ssittatu vogghju stari ansem’a ttia,
mi sentu la to’ vuci, u to’ sapuri.

Pe to’ rribbati vogghju sempri jiri,
undi lu sceccu mangia la ficara
e pe mmi viju lestu a lu chjovìri,
calari li gadduni a la hjumara.

Voliva mi nci fazzu na carizza,
a tutt’i nnamurati di sta’ terra,
di chistu locu chinu di bellizza,
ca cu li grazi soi tutti ssutterra.

E poi di cori eu vogghju mbrazzari,
a tutt’i figghji toi chi su’ luntani,
chi chin’i chjantu t’epper’a dassari,
pe lu bisognu di nu morz’i pani.

Ca certu non si sapi undi nascimu,
né quali fruttu duna la simenza,
si sempr’o stessu postu rimanimu,
o si la sorti noscia è la spartenza.

Ma puru si tu giri u mundu ‘nteru
e vidi terri ca resti ‘ncantatu,
u locu undi curri u to’ penseru,
è sempri chiddu aundi tu si natu!


TERRA D’AMORE

Calabria che mi hai dato i natali
e mi hai dotato di buoni sentimenti,
con le tue cime e con i tuoi fondali,
sei terra tu di ingegnosa gente.

Sei tu segnata di tanti colori,
di un cielo azzurro e un mare cristallino,
di facce bruschiate dal calore,
di braccia forti e di cervello fino.

Sono cresciuto bevendo alla tua vigna,
e dal seno tuo, bambino mi allattai,
dalla montagna fino alla marina,
con i tuoi frutti mi sono saziato.

E più ti guardo ora, terra mia
e più il cuore mio si riempie d’amore,
seduto voglio stare insieme a te,
per sentire la tua voce, il tuo sapore.

Per i tuoi luoghi voglio sempre andare,
dove l’asino mangia all’albero di fico
e per vedere lesto quando piove,
scendere a valle ruscelli e fiumare.

Volevo fare una carezza,
a tutti gli innamorati di questa terra,
di questo posto pieno di bellezza,
che con le sue grazie supera a tutti.

E poi di cuore voglio abbracciare,
a tutti i figli tuoi che sono lontani,
che dolenti hanno dovuto lasciarti,
per guadagnarsi un tozzo di pane.

Perché non sappiamo dove nasciamo,
né quale sarà il nostro futuro,
se rimaniamo sempre nello stesso posto,
o se il destino nostro è andare via.

Ma pure se tu giri il mondo intero
e vedi terre che rimani incantato,
il posto dove corre il tuo pensiero,
è sempre quello dove tu sei nato!

__________________________________________________________________________________________________________

Una lode alle bellezze paesaggistiche, ai colori, ai sapori del luogo natìo è questo componimento in cui la Calabria, nonostante a volte ci si debba allontanare da essa per lavoro, rimane nel pensiero e nel cuore. L’appartenenza è per sempre, essendo “intriso” dalle caratteristiche proprie di questo lembo di terra, in cui si passa dal mare alla montagna. La lettura è fluida in virtù della musicalità data dalla rima calzante e dalle tante allitterazioni che il vernacolo riesce, in maniera del tutto naturale, a proporre.

Francesco Martillotto

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS