22
Gio, Ott
14 New Articles

SALVATORE GAZZARA (Messina)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Salvatore Gazzara nasce e opera a Messina, ha svolto la sua attività presso il Policlinico Universitario di Messina in applicazioni delle Tecniche Dialitiche.
Di carattere propositivo e determinato, sin da giovane si dedica, con passione, alla poesia in lingue e in vernacolo Siciliano, partecipando a numerosi Concorsi Nazionale e Internazionali di Poesia, ottenendo notevoli riconoscimenti di stampa specializzata, in ultimo: Premio “F. Baldoni” di Senigallia (AN), Premio “D.co Portera” di Cefalù (PA), Premio “Città di Battipaglia” (SA), Premio “Scrivere Sicilia” di Bagheria (PA), Premio “Maiori in love” di Maiori (SA), Premio “D.co Smorto” (RC), Premio “Poesie sotto l’albero” (CT), Premio “Maria Monteduro” (LE).
Nel 2018 riceve 2 Premi alla Carriera Artistica, rispettivamente nel Premio Letterario Internazionale “Antonio De Francesco” Vita Via Est – (CT) e nel Premio Letterario Internazionale “Athena Ars” – Rogliano (CS).
E’ pluri-accademico presso prestigiose istituzioni, anche internazionali, fra cui:
Accademia di Sicilia (PA);
Accademia Federico II di Svevia (TP);
Accademia Internazionale “Il Convivio” (CT) per meriti letterari;
Accademia Internazionale Vesuviana (NA) – Alfiere della Cultura;
Accademia Universale “Giosuè Carducci” (NA) – Gran Prix G.nna Papaccio;
Accademia Internazionale “Amici della Sapienza” (ME);
Socio Onorario Centro d’Arte e Poesia “Luigi Bulla” (CT);
Socio Associazione Culturale Euterpe.

*************

'NA PUPA ’I PEZZA

Un munzeddu di cannavazzi
cogghi dintra ’a naca
’a picciridda cu passioni.
’Na pupa ’i pezza
câ capa scucchiata,
’na bedda facci cuntenta,
’i capiddi a cannolu ’ncudduriati,
lu rijalu chiù beddu
chi ’ntô sonnu putissi ’viri.
’Na pupa ’i granni qualità
vistuta ’i sita priziusa,
cu du’ occhi brillanti
pari ’na fata binigna
chi ’nvita ’ntô magicu jocu
’a picciridda ’ntrunata e cuntenta.
Puru pi nui ci stannu ’i pupi
’i pezza câ capa scucchiata,
ma nun sunnu di fati binigni,
sunnu spiranzi dilusi, prugetti,
sonni, disidderi di vari passiuni.
Si vulissi comu ’i picciriddi
putiri campari di sonni,
ma comu ’i picciriddi
ni ’ccurgemu
d’aviri ’ntê mani sulu pezzi.

UNA BAMBOLA DI STOFFA
Un mucchio di stracci / raccoglie dentro la culla / la bambina con amore. -/- Una bambola di stoffa / con la testa staccata, / una bel viso contento, / i capelli a riccioli avvolti, / il regalo più bello / che nel sonno potesse avere. –-/-Una bambola di grande qualità, / vestita di seta preziosa / con due occhi lucenti / sembra una fata affettuosa / che invita nel magico gioco / la bambina imbambolata e contenta. -/- Pure per noi ci stanno le bambole / di stoffa con le teste staccate, / ma non sono di fate affettuose, / sono speranze deluse, progetti, / sogni, desideri di varie passioni. -/- Si vorrebbe come i bambini / poter vivere di sogni, / ma come i bambini / ci accorgiamo / di avere nelle mani solo stracci.