26
Gio, Mag
1 New Articles

IVANA ORLANDO (Torino)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

Nata nella città di Torino, si trasferisce ancora bambina in Sicilia. Crescendo al sole del Mediterraneo, Ivana assimila dentro di sé la concretezza e la passione tipica delle sue terre. Il suo animo turbolento la porta presto ad intraprendere la via dell’arte, cercando sempre nuovi linguaggi attraverso cui lasciar scorrere il fiume di emozioni in piena che le nasce dentro. Si confronta quindi con le opere dei grandi Maestri del Rinascimento, dai quali apprende il gusto per l’equilibrio e l’armonia, passando poi alla parola scritta, ispirata da Maestri come Neruda e Leopardi, per poi approdare alla poesia contemporanea di una grande poetessa italiana, Alda Merini. Da questi contrasti letterari nasce il suo stile, limpido e senza regole prestabilite, unico nel raccontare piccole e grandi emozioni, che tutti nella vita hanno, ma che lei, con la semplicità della sua anima, rende indimenticabili. Concorre a premi letterari, riscontrando buoni esiti.

Opere edite: “EMOZIONI INCUSTODITE” di Giulio Perrone Editore. Finalista e vincitrice dell’Opera di Poesia Emozioni Incustodite della seconda edizione del Premio di poesia e narrativa Villa Torlonia di Roma (tra i giurati la scrittrice Dacia Maraini).
“ATTIMI DI PLASTICA”, Opera selezionata nel concorso “libri di-versi in diversi libri” in memoria di Corrado Tiralongo. Presenti i suoi testi poetici nel volume antologico del Premio Internazionale Mario Luzi, si tratta della più importante ed autorevole Enciclopedia contemporanea mai realizzata sin d’ora. Collabora con il giornalista Gian Paolo Balsamo della Gazzetta del Mezzogiorno, incastonando le sue poesie nel dramma del suo racconto. Le sue opere sono presenti in molte Antologie di premi letterari fra le migliori opere selezionate dalle relative giurie ed alcune sono pubblicate su dei numeri di Riviste Letterarie Italiane.

 

~~~~~~~~~~

MI SENTO NUDA ANCORA ADESSO

La verità dall'estro senno.
Crogiola
mia sciancata verità
irrora la mia polla
agonizza il mio senno
spoglia le mie ossa.
Alla luce della tua morte
nacque la mia Poesia
la tua bellezza è
- casta -.
In quarantasei battiti
metallici
indosso l'aporia

Mi sento nuda ancora adesso.

~~~~~~~~~~

PER MIA MADRE

Scioglie il dolore
spinto dalle palpebre
concepito in seno al cuore.
Aspetto la vita o la morte
crescere in me.
Il mio corpo
tomba o cova?
..mentre
il mondo
prolifera sui letti
sui cessi
sulle macchine
sulla merda
sulle guerre
e dentro un utero
io sono tra una provetta vitrea
guardata a vista
ed un catetere carico a pallettoni
per
mia madre.

~~~~~~~~~~

MARGINE

Sento lo sfrigolio
delle mie ossa consumarsi
mentre le mie ovaie
misurano il tempo,
mentre il giorno si fa nero,
mente ritornano le ore
e le finestre si riaprono
e le saracinesche rimbalzano
e le ombre si reincarnano
io
ritorno margine.