26
Gio, Mag
1 New Articles

FRANCA AMONO (Aprigliano, Cosenza)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

Franca Amono è un’insegnante in pensione.
È nata e vive ad Aprigliano, provincia di Cosenza.
Scrive poesie in lingua italiana e in dialetto calabro-apriglianese, e, partecipa a concorsi letterari, ottenendo riconoscimenti soddisfacenti e premi. Alcune sue liriche compaiono in volumi pubblicati da Aletti Editore, Orizzonti Meridionali, Apollo Edizioni, Giraldi Editore e Sicrea Editoria.
Nel 2004 ha pubblicato, con il patrocinio del Comune, "Seme d’infanzia", una raccolta di scritture poetiche degli alunni dell’IC di Aprigliano.
Collabora alla redazione del quotidiano on-line La Voce agli italiani.
Ha partecipato a vari Reading di poesie presso Associazioni Culturali e Librerie di Cosenza.

 

~~~~~~~~~~

LA MELODIA DELL’AMORE

Mi piaceva perdermi
nel mare
dei tuoi occhi
profondi e immensi,
e, naufraga,
arrampicarmi
tra le tue
lunghe ciglia
per ascoltar
da vicino
i tuoi pensieri…
Sfioravo con gli occhi
le tue labbra vermiglie
mentre il suono
del tuo dolce dire
era per me
melodia a non finire!...

~~~~~~~~~~

DOLCI RICORDI

Ricordo con nostalgia
i bei giorni lieti
e spensierati
dell’adolescenza,
illuminati dal tuo
dolce sorriso.
Rivedo i tuoi grandi occhi
espressivi e buoni
che comunicavano
un mondo
di emozioni rare,
innocenti…
I tuoi canti melodiosi
riascolto ancora
nelle stanze della memoria.
Tu eri per me l’amore
puro e ricco di poesia,
tu, la gioia vera e l’allegria!
Tu l’essenza dell’amore
senza tempo e senza età…
per me…semplicemente
l’immagine di un angelo
colmo di tanta bontà!

~~~~~~~~~~

A MARIA

Donna di fede e di grande umiltà
col tuo “Sì” cambiasti
il destino dell’Umanità.
Tu, figlia esemplare.
Tu, Madre e Figlia di Tuo Figlio.
Tu, esempio di ubbidienza e carità
di dolcezza e di tanta bontà,
perdonasti la cattiveria,
il rifiuto e la malvagità
di chi non volle dare
a Te e a Giuseppe ospitalità.
Senza un lamento partoristi
in una grotta fredda e buia
il Redentore del Mondo.
Sopportasti con forza d’animo
le sofferenze, le privazioni e il dolore
assistendo impotente alla Crocefissione.
Tu, esempio di fortezza.
Tu, bellezza e immacolata purezza.
Nel mondo, venerata come donna
potente sul male…
nel cielo risplendi di luce
divina e solare.

Oh, Madre di Dio e di noi miseri mortali,
a Te ci rivolgiamo nel dolore… e Tu,
Mamma buona e comprensiva,
ci porgi la tua mano con amore.
Così Dante parlò di Te nel suo poema:
“Donna, se’ tanto grande e tanto vali,
che qual vuol grazia e a te non ricorre,
sua disianza vuol volar senz’ali.”
Tu sei l’anello di congiunzione
con Gesù, nostro Salvatore,
e a Lui chiedi per noi
le grazie necessarie e il perdono.
Regina della Pace, fa’ che nel mondo
spariscano le incomprensioni,
i disaccordi nelle famiglie
e tra le Nazioni.
Fa’ che regni la pace nei nostri cuori,
che anelano alla tua dolcezza di Mamma,
comprensiva e buona.
Mamma celeste, ti preghiamo
per le donne ferite, maltrattate,
private della dignità e violentate.
Da’ loro la forza di reagire con coraggio
alle illusioni di chi dice di amarle,
ma di un amore malato e malvagio.
Trattieni la mano degli uomini insinceri
e illumina la mente delle donne
indirizzandole sulla via del bene.
Proteggi i nostri giovani da ogni insidia,
aiutali a crescere in bontà e in santità,
per diventare membri di una migliore Umanità.