05
Mer, Ott
2 New Articles

STEFANO DENTICE (Manduria, Taranto)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Stefano Dentice, giornalista musicale, sportivo e press agent freelance, si dedica prettamente al jazz, a generi musicali affini e al calcio. Ha collaborato, in qualità di critico musicale, con riviste specializzate come "Suono" e riviste online quali "Extra Music Magazine" e "Arte e Luoghi". Per queste testate giornalistiche ha prodotto recensioni, interviste e articoli. Sempre in veste di critico musicale, collabora occasionalmente con i web magazine "Sound Contest – Musica e altri linguaggi", "Roma In Jazz", "Italia in Jazz", "SpettacolArt", "Note in Vista", "ManduriaOggi" e "Il Giornale Off" (inserto culturale online del quotidiano "Il Giornale"), per i quali scrive recensioni, interviste, articoli e live report. In modo continuativo, invece, collabora con "Strumenti & Musica Magazine", giornale online per il quale si occupa di jazz, scrivendo recensioni e interviste.

Dal 2016, per le sezioni jazz e world music, è membro della giuria formata da giornalisti musicali e critici musicali che decreta le nomination e vota per l’assegnazione dell’Orpheus Award, premio della critica istituito dall’Associazione "Promozione Arte" e assegnato alle produzioni italiane fisarmonicistiche.
Si è occupato di promozione social per l’associazione musicale e culturale "DeArt Progetti", scrivendo le schede di presentazione dei concerti al "D’Ascoli Caffè Jazz Club".
Da ufficio stampa indipendente ha lavorato per il "Pomigliano Jazz in Campania" (2015 e 2017), "Bari in Jazz" (2016), "Nazioni a Tavola" di Norcia (2016). È il capo ufficio stampa del "Francavilla è Jazz". Da press office indipendente ha curato la promozione di dischi quali: "Lost in the Jungle (Principles Sound)", "Red Cloud (Dario Chiazzolino) ", "Disordine (Chiara Raggi) ", "In the Bloom (GB Project)", "Nemesi (Alberto La Neve)", "Lidenbrock - Concert for Sax and Voice (Alberto La Neve e Fabiana Dota)", "Magip (GB Project)", "Unfolkettable Two" (Nico Morelli), "A Beautiful Story" (Rosario Bonaccorso), "Night Windows" (Alberto La Neve), "I Thalàssa Mas" (Francesco Mascio e Alberto La Neve), "Calandra" (Amanita), "Characters" (Laura Sciocchetti), "EP Preview" (Francesco Mascio), "Ensemble" (Vittorio Cuculo Quartet Incontra i Sassofoni della Filarmonica Sabina “Foronovana”), "Ars Insidiae" (The Bumps), "A Ticket Home" (Giuseppina Ciarla), "Pagine Vere" (Pagine Vere – Michela Lombardi-Giovanni Ceccarelli-Luca Falomi feat. Stéphane Casalta, Dadi, Petra Magoni, Ferruccio Spinetti), "When We Dance – The Music of Sting-Vol. 2" (Michela Lombardi & Piero Frassi Circles Trio), "Terra Tour 2022" (Sissy Castrogiovanni).
Il 13 giugno 2019 gli è stata conferita la Nomina di Accademico per Meriti Artistici da parte del Presidente dell’Accademia Internazionale "Il Convivio", il prof. Angelo Manitta. Da rubricista, per "Teatro Magazine", trimestrale cartaceo (anche online) che tratta di teatro, cinema, recitazione, musica e danza, ha curato la rubrica Musica&Teatro, all’interno della quale ha firmato recensioni di dischi jazz.
Nel corso della sua attività ha intervistato svariati musicisti di blasone internazionale, come: Mike Melillo, Enrico Rava, Enrico Pieranunzi, Rosario Giuliani, Giovanni Guidi, Daniele Di Bonaventura, Gianluca Petrella, Michele Rabbia, Renzo Ruggieri, Antonello Messina, Marc Berthoumieux, Antonello Salis, Peter Soave, Giovanni Ceccarelli e moltissimi altri ancora.
Per ciò che concerne il giornalismo sportivo ha collaborato con i siti Calcio News Time, Juve News Radio e Juventus News 24. Spesso, da giornalista, è ospite telefonico di Radio Bianconera, la prima radio interamente dedicata alla Juventus e ai suoi tifosi. Occasionalmente, scrive sempre di calcio per il magazine online JMania.
Da ottobre 2020, in qualità di press agent (per jazz e world music), entra a far parte della "Red&Blue Music Relations", una fra le più importanti agenzie musicali italiane di comunicazione e promozione. Per conto di questa agenzia si è occupato delle seguenti produzioni discografiche: Fogli che Raccontano (LaRizzo), singolo Be Kind (Franca Barone), singolo Underwater (Franca Barone), Trait d’Union (Alessandro Bertozzi), I Bemolli sono Blu (AB Quartet), singolo Cubanito (Urban Fabula), Movin’ (Urban Fabula), singolo The Gift (Daniela Spalletta), Sensorial-Portraits in Bossa & Jazz-Deluxe Special Edition (Mafalda Minnozzi), Per Aspera ad Astra (Daniela Spalletta), Vortice (Silvia Donati & Nova 40), singolo Heroes-A Tribute to David Bowie (Paolo Fresu feat. Petra Magoni – solo promozione radiofonica), Smoothly (BF Project), Be Kind (Franca Barone), Acquapazza (Joe Debono Quintet), singolo Roma 1962 (Giovanni Guidi), Ojos de Gato (Giovanni Guidi), singolo Alysia’s Dance (Libertango 5tet), Point of No Return (Libertango 5tet), singolo Free (World Expansion alias Lomagistro-Partipilo-Giachino), World Expansion (World Expansion alias Lomagistro-Partipilo-Giachino), singolo Spunta lu Suli (Floriana Foti), singolo Iremia (Dan Costa feat. Randy Brecker).
Da ufficio stampa, per la copertura nazionale, si è occupato della comunicazione per la settima edizione del "Termoli Jazz Festival" (2021).
In veste di giornalista musicale ha collaborato con "RT Radio Terapia", per la quale ha realizzato audiorecensioni all’interno della rubrica intitolata Pillole. Da ufficio stampa, per la copertura nazionale, ha lavorato per il festival "Tintiland (Casa del Jazz – Roma)".
Da dicembre 2021, in qualità di giornalista musicale, è ospite fisso della rubrica mensile per "Dischi e Musica", a cura di Gennaro Pasquariello, intitolata "Bollettino Jazz", approfondimento musicale della testata giornalistica online "May Day News", per la quale presenta tre nuove uscite discografiche jazz. La rubrica va in onda su "GT Channel" (canale 650 del digitale terrestre per la Campania) e su "SoundItalia Web TVRadio". Da febbraio 2022 intraprende una nuova collaborazione con la testata giornalistica online "La Voce agli Italiani", per la quale scrive principalmente di musica.


~~~~~~~~~~

 

Max Ferri Trio: vagonate di energia e groove
nel disco “Message”

 

 

di Stefano Dentice

Un sound tagliente, particolarmente accattivante, che calamita l’attenzione e conquista all’istante, fin dalle primissime misure.

Message è la nuova fatica discografica firmata Max Ferri Trio, un album pubblicato dall’etichetta Ultra Sound Records con una brillante formazione costituita da Max Ferri (chitarra), William Nicastro (basso) e Giorgio Di Tullio (batteria), trio nel quale, come ospiti, figurano gli ottimi Marco Scipione (sax tenore in Freud), Tullio Ricci (sax tenore in Yes or No) e Nicolò Fragile (tastiere in Dance of the Spirits).

La tracklist consta di nove brani, di cui Crispy Funky, Message, Mind Trip, Kha-Tn, Freud e Dance of the Spirits sono brani originali frutto della magmatica materia grigia di Max Ferri, mentre Third Stone from the Sun (Jimi Hendrix), Inner Urge (Joe Henderson) e Yes or No (Wayne Shorter) completano la stessa tracklist.

Il tema e il groove di Message (brano eponimo) colpiscono di primo acchito. L’eloquio del chitarrista è fluido, pregno di fascinosi intercalari bluesy e intriganti incursioni inside-outside, supportato dal comping assai incisivo, efficace e marcato cesellato dal tandem Nicastro-Di Tullio.

L’impatto di Freud, soprattutto dal punto di vista sonoro, è devastante.

Il discorso improvvisativo di Scipione è carico di nerbo, molto interessante per l’esplorazione della gamma timbrica del suo strumento e per gli incendiari cenni di Sheets of Sound.

L’elocuzione di Max Ferri è brillantemente articolata, adornata da ipnotiche e tensive asperità armoniche. Nicastro si esprime con trascinante fervore espressivo.

Il mood di Dance of The Spirits, specialmente nelle prima battute, è avvolto in un’aura di mistero.

Fragile dà vita a un playing energico, impreziosito da alcuni intarsi armonici di chiara declinazione post-bop.

Concepito a cavallo fra jazz rock e progressive jazz, con una personale (ri)lettura sotto l’aspetto stilistico dei due storici standard jazz presenti (Inner Urge e Yes or No), Message è un disco dal quale emerge la notevole padronanza strumentale dei sei musicisti al servizio di una verace musicalità.

Il tutto arricchito da una forte intensità comunicativa che rappresenta un reale valore aggiunto.