26
Gio, Mag
1 New Articles

ROCCO CRISEO (Bova Marina, Reggio Calabria)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Criseo Rocco, poeta dialettale, scrittore e cantastorie!
Appassionato di teatro, in gioventù recita in varie compagnie teatrali e in seguito, avvicinatosi alla musica popolare e grecanica, diviene paroliere e cantante in vari Gruppi Folkloristici.

Nel 2008 ha pubblicato il romanzo: RACCONTANDO UN PO’…viaggio nella memoria di un paesino dell’estremo sud (Ed. Artemis S.r.l. Reggio Calabria).
Nel 2009 la silloge di poesie in dialetto calabrese: TERRA ‘NGRATA…ma si la terra mia! Prefazione Prof. Pasquino Crupi (Città del Sole Edizioni s.a.s Reggio Calabria).
Nel 2017 ha pubblicato il romanzo: NESSUNO E’ PERFETTO (Edizione Apodiafazzi).
Nel 2019 a cura dell’Unione Poeti Dialettali Calabresi è tra i poeti dell’Antologia: VUCI SENZA TEMPU (Arti Grafiche Edizioni).
Nel 2020 con il Patrocinio del Circolo Culturale “Pietro Timpano” di Bova Marina, ha pubblicato la silloge poetica: ANGIULI SENZ’ALI, poesie in vernacolo al tempo del Covid 19.
Socio dell’Unione Poeti Dialettali Calabresi.
Vincitore di numerosi Premi Letterari, ha avuto riconoscimenti in Calabria e in altre regioni italiane, sia per la prosa che per la poesia dialettale.
E’ presente, con i suoi scritti, in numerose Antologie poetiche e narrative.
Cultore del dialetto, si batte da anni per la salvaguardia e la valorizzazione dello stesso, cercando di inculcare in tutti coloro che lo ascoltano, l’amore per la lingua parlata dai propri patri, patrimonio culturale che non deve andare disperso perché da sempre identifica un territorio, contribuendo a far conoscere alle nuove generazioni le radici storiche del proprio paese.

 

~~~~~~~~~~

E TEMPI DI NA VOTA

Non curri cchjúni l’acqua a la hjumara,
na viniceḍḍa scindi pa’ marina,
nta la campagna crisci la landrara,
tra li ruvetti e spolassi di spina.

Finìu lu scrùsciu, è mutu lu gurnali
e la gramigna jinchi li senteri,
nta staḍḍa undi stavan’i nimali,
nci sunnu sulu resti di fumeri.

Tornu figghjolu quandu pe campari,
a stentu si tirava lu carrettu,
nc’era ricchizza vera e mi ti sciali,
bastava un tambureḍḍu e n’organettu.

Si jiva scazi puru si chjoviva,
li panni si lavavun’a hjumara,
da’ bumbuleḍḍa l’acqua si mbiviva
e nta la ruga bugghjiva la caddara.

Su vecchju ora e tuttu, aimia, cangiau,
la vita di na vota si perdìu,
lu canuscìri troppu ndi nguaiau
e tuttu all’ancallariu si ndi jiu.

Nci sunnu gent’in giru pe li strati,
chi vann’i prescia tutti scunchjuduti,
cu cellulari su sempri mpegnati,
non hannu tempu mancu pè saluti.

Curri la ment’a lu vecchju pajsi,
quandu sentivi lu gaḍḍu cantari,
si lavurava a vigna e lu majsi
e poi davant’o focu a cunversari.

Nta chista vita d’oji non cunta nenti,
non nc’esti nuḍḍu cchjú chi faci rota,
restamu sempri suli a menz’a genti,
voliv’e tornu e tempi di na vota!

~~~~~~~~~~

OH MARI….

Oh mari si sapivi tu parrari,
cu sapi quantu cosi mi dicivi,
ndavivi tanti stori di cuntari,
potivi centu libri pemmi scrivi.

Pagini di spartenza e di duluri,
di povereddi in cerca d’avveniri,
capituli chi parranu d’amuri,
di cori nnamurati e di suspiri.

Colonn’e righi chi non hannu fini,
scritti cu nchjostr’i sciali e patimenti.
Giri lu mundu tu senza confini,
scurri cu ttia a vit’e tanta genti.

Omini retti e cuntrabbanderi,
navicatur’i tutti li staggiuni,
barchi di lussu cu farsi banderi,
gentagghja senza patria né patruni.

Ggenti chi fuji da li so’ sventuri,
trattati a malu modu peju di cani,
facci brusciati di niru culuri,
senza certezzi pe lu so’ domani.

Si tenneru pe ccù cerca nu pani,
ma nte fundali toi non nc’è taverna.
Suduri duni all’omu e cadd’e mani,
a tanti cristi seportura eterna.

E ssi è propriu longu lu to jiri
e la grandizza toi non avi gguali,
a tanta genti tu porti sapiri,
castigu spargi a ccù ti voli mali.

Oh mari senz’e tia non sacciu stari
e l’unda toi lu passu meu conduci.
E’ beddu nta la ribba caminari,
a pedi scazzi sentiri la to vuci!

~~~~~~~~~~

RICORDU

Vecchju paisi ti ricord’ancora,
na fil’e casi e pedi da nchjanata,
u lampiuneḍḍu chi lucìva fora,
na strata rutta, menza nsilicata.

Ddui viculi a undi si sentiva,
u hjavuru di hjur’i gelsominu,
di lu pigadi l’acqua si mbiviva,
a butti dava sempri bonu vinu.

Arret’e casi nc’era l’orticeḍḍu,
nu pergulat’i grappul’i recina,
u gaḍḍinaru, a zzimba cu porceḍḍu,
nta stati a nespulara sempri china.

Ca rumbula jocav’o figghjoleḍḍu,
nta chjazza era tuttu nu vuciari,
ricchizzi di nu burgu povereḍḍu,
c’aviva pocu o nenti pe campari.

Nta la campagna surchi di majisi,
cu facigghjuni si tagghjav’o granu,
si travagghjava trenta jorn’o misi,
no nc’era paci mai pe lu viḍḍanu.

E ped’i portugallu e cerasari,
caccioffuli servaggi e cim’i rapa,
mureḍḍ’e cezzu e arbur’i ficari,
sipali e caddózzuli di crapa.

Spittiḍḍijav’o ‘nvernu lu brasceri,
‘ntornu si cogghjiva la famigghja,
a sira si dassavanu i mesteri,
cercava ognunu sonnu pe mmi pigghja.

Nto tempu poi di la beḍḍda stagiuni,
nte sposalizi spasi di cunfetti,
na caddarata chin’e maccarruni
e tuttu ‘ntornu sonu d’organetti.

Chi duci sti ricordi di na vota,
nu mundu chi non poti cchjú venìri,
cu canti e balli si faciva rota,
mumenti beḍḍi chi non poi sperdìri.