26
Gio, Mag
1 New Articles

GIUSEPPE LA ROCCA (Trappeto, Palermo)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

Nato a Resuttano (CL) il 14-06-1945, risiede a Trappeto (PA). Ragioniere, già Funzionario dell’Agenzia dell’Entrate, scrive poesie, in lingua e in vernacolo, dal 2014; ha partecipato a numerosi reading e a diversi concorsi nazionali ed internazionali, vincendone DIECI (7 in vernacolo e 3 in lingua italiana) e ottenendo altri 25 podi, oltre a numerosi altri riconoscimenti.

Sue poesie sono presenti in oltre trenta antologie.
E’socio dell’Associazione Culturale Euterpe di Jesi (AN), dell’UNIPOP Palermo e dell’Accademia G.G.Belli di Roma. E’, inoltre, Accademico Benemerito dell’Accademia Nazionale Ruggero II di Sicilia, dalla quale, nell’ottobre 2018, è stato insignito del titolo di “Cavaliere Benemerito della Cultura”.
Dal 2018 ha partecipato alla quasi totalità dei Concorsi indetti dal Gruppo Apri il cuore alla poesia e dall’Associazione Atlantide, ottenendo significativi riconoscimenti sia nella poesia che nella fotografia, tra cui quattro primi posti ed otto podi, oltre al Premio Tenuta Bocchineri 2020 e al Premio alla Carriera 2021.
Scrive in rima e in versi sciolti, prediligendo una terminologia chiara e di facile comprensione, rifuggendo da contorsionismi linguistici. Nelle sue liriche tratta del vivere quotidiano, di ricordi, di amore, di natura, di mare, di affetti, di sogni e di speranze. Per quanto riguarda la fotografia i suoi soggetti preferiti sono le albe, i tramonti, il mare, i nipotini, i cani, la natura in genere e i fiori che” fotografa per non farli morire”. Per “catturare” immagini usa quasi esclusivamente la fotocamera dello smartphone.

~~~~~~~~~~

JOCU DI MASCARI

Eramu nichi, ‘a strata pû jocu era casa.
Pi jucari nni bastava picca cosa:
un pocu ‘i crita, un ferru di cavaddu,
du fila ‘i spacu e qualchi pinna di jaddu.
Faciamu notti e nun eramu mai satri,
finiamu sulu pî vuciati dî matri
e ‘i minazzi di qualchi timpuluni
o peggiu ancora di ristari dijuni.
Bastava na mascariata e un pocu ‘i fantasia,
pi trasfurmarinni, comu pi magia,
in re, rigini, duttura, malati,
guerreri, pirati o simplici surdati.
Allura ni mascaravamu pi darinni curaggiu
e pi putiri trasiri ‘nto novu personaggiu.
Ora ‘a maschera nna mittemu tutti i jorna
senza pinsaricci supra, senza nudda vriogna.
Facemu sempri facci ‘i circustanza,
rispittannu ‘a bona crianza.
Stringemu manu ca vulissimu sputari.
Vasamu facci ca nni fannu schifiari.
Nni mettemu na mascara di duluri
quannu videmu ‘nto televisuri
puvirazzi comu bestii ammassati,
o ‘nto mari a migghiara anniati.
Canciamu canali, nun vulemu chiù turmenti
e allura cercamu cosi divirtenti.
Jiccamu ‘a mascara dâ dulenza
e passamu a chidda di l’indiffirenza.

Traduzione dal siciliano
GIOCO DI MASCHERE

Eravamo piccoli, la strada per il gioco era casa./ Per giocare ci bastavano poche cose:/ un po’di creta, un ferro di cavallo,/ due fili di spago e qualche penna di gallo./ Facevamo notte e non eravamo mai soddisfatti,/ finivamo solo per i richiami delle madri/ e per le minacce di qualche ceffone,/o peggio ancora di restare digiuni./ Bastava una mascherata e un po’ di fantasia,/per trasformarci, come per magia,/ in re, regine, dottori, ammalati,/ guerrieri, pirati o semplici soldati./Allora ci mascheravamo per darci coraggio/ e per potere entrare nel nuovo personaggio./Ora la maschera ce la mettiamo tutti i giorni/ senza pensarci su e senza nessuna vergogna./Facciamo sempre faccia di circostanza,/ rispettando la buona creanza./Stringiamo mani che vorremmo sputare./Baciamo facce che ci fanno schifare./Ci mettiamo una maschera di dolore/ quando vediamo nel televisore/ poveracci come bestie ammassati/ o in mare a migliaia annegati./ Cambiamo canale, non vogliamo più tormenti/ e allora cerchiamo cose divertenti./ Gettiamo la maschera dell’afflizione/ e indossiamo quella dell’indifferenza.

~~~~~~~~~~

CRISALIDE PER SEMPRE

Parole, ah quante parole!
Assemblate in mille progetti abortiti,
dette o rimaste in punta di lingua,
volutamente nebulose, logorrea d’intenti.
Convogli che si sfiorano
sferragliando nel ventre della montagna,
in un caleidoscopio di luci accecanti.
Coincidenze perdute,
vane attese in stazioni deserte
in compagnia di uno smagrito randagio,
che pervicacemente ricalca i tuoi passi
pur sapendo che non hai niente da dargli.
Misuri nel vento marciapiedi sconnessi,
fiocamente illuminati
da alterni lampioni sbrecciati.
I muri tazebao d’idiozie, schizzi fallici
e iperbolici messaggi d’amore.
Non ci sono più treni questa sera,
è l’ultimo quello che ha scaricato
quei pochi viaggiatori infreddoliti,
che incuranti di te,
si affrettano a guadagnare l’uscita.
Il collo incassato nel bavero,
il berretto di lana calato sulle orecchie,
un cenno di commiato al cane,
giuri, come ogni sera, che questa è l’ultima volta.
Parole, soltanto parole.
Lancinante rimpianto
di crisalide mai divenuta farfalla.

~~~~~~~~~~

MATRI 'UN TI SCANTARI

'A campana purtau 'a notizia ê quattru venti,
'a vuci curriu subitu pi tutta 'a cuntrata,
na pricissioni d'amici e parenti
ca finiu sulu ora a tarda sirata.
Sinni eru tutti quanti matri mia
e mentri 'a notti avanza lentamenti
iu sugnu cca a parrari cu tia,
picchì sacciu c’ancora mi senti.
Stasira ntâ tò vucca 'un c'è lamentu,
niscìu stamatina l'ultimu çiatu,
fineru 'i to peni e 'u turmentu
ca pi tant'anni t'hannu martiriatu.
Quannu oj tinni isti eru luntanu
e 'un potti fari chiddu ca vulìa,
teniri stritta stritta ‘a to’ manu
e nsinu all'ultimu fariti cumpagnia.
E diriti comu facìa di picciriddu,
quannu turnavamu a casa ô scurari,
puru s'avia 'u cori nt'un pugniddu:
"Matri, ci sugnu iu, 'un ti scantari!"
Vulau 'a notti a parrari cu tia
e ora ca cumincia ad agghiurnari
mi pari di sintìriti, matri mia:
"Tranquillu, figghiu, 'un ti ngustiari!"

Traduzione
MADRE, NON TI SPAVENTARE

La campana ha portato la notizia ai quattro venti,/ la voce è corsa subito per tutto il paese,/ una processione di amici e parenti/ che è finita solo ora a tarda serata./ Se ne sono andati tutti quanti, madre mia,/ e mentre la notte avanza lentamente,/ io sono qua a parlare con te/ perché so che ancora mi senti./ Stasera nella tua bocca non c'è lamento/ è uscito stamattina l'ultimo respiro/ sono finite le tue pene e il tormento/ che per tant'anni ti hanno martoriata./ Quando oggi te ne sei andata ero lontano/ e non ho potuto fare quello che avrei voluto,/ tenere stretta stretta la tua mano/ e fino all'ultimo farti compagnia./ E dirti come facevo da bambino,/ quando tornavamo a casa all'imbrunire,/ anche se avevo il cuore in un pugnetto:/ "Madre ci sono io, non ti spaventare!”/ E’ volata la notte a parlare con te e ora che comincia a fare giorno,/ mi pare di sentirti, madre mia:/ "Tranquillo, figlio, non ti angustiare!”//

 

FOTOGRAFIA: "Aureo crepuscolo"