21
Lun, Set
9 New Articles

SERAFINA IACINO (Alessandria)

Autori Italiani
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Serafina Iacino, in arte Fina Yacin, nata a Grimaldi (Cosenza).
Dopo le scuole elementari i suoi decidono di mandarla in collegio a Palermo, dove compie studi medi e superiori. Tornata a casa per la morte del padre, si diploma all'Istituto Lucrezia della Valle di Cosenza e riparte per Palermo dove frequenta la facoltà di Architettura, studi che dovrà poi interrompere per motivi familiari. A Palermo inoltre consegue il diploma di Scuola d'Arte ceramica e metalli affini, ma non può fermarsi in quella città e allora si trasferisce a Roma, all’Istituto Sacro Cuore in Via Nomentana, dove insegna disegno agli studenti delle Scuole Medie.
In seguito decide di spostarsi in Piemonte con la speranza di finire l'università, ma non risulta possibile, riprende l’insegnamento di disegno e comincia a insegnare anche nelle scuole per adulti e nelle scuole carcerarie per 12 anni. Alla fine l’amore per i bambini ha il sopravvento e superati due concorsi ottiene una cattedra di ruolo alle scuole elementari dove insegnerà per 35 anni.
Ha sempre continuato a dipingere, partecipando a mostre raccogliendo numerosi successi, ma ha dovuto mettere da parte la sua capacità di pensare e scrivere in “versi”. Dopo essere rimasta vedova però ha ripreso il suo hobby ed cerca di esprimere ogni emozione in Poesia.

***********

VOGLIO!

Voglio sognare
di raggiungere
la stelle!
Voglio toccare
il cielo con le
dita!

Voglio salire in
vetta al grande
Padre e dire
forte al vento:
"Sono qui!"

Forse solo lì
riuscirò a strapparti
dal cuore, perché
ho deciso di
non vederti più!

Sarà come
strappare, con
colpo netto, il
cuore; ma tu
sai che amore
disperato è il
mio!

Prima ero spinta
dalla sete di sapere,
poi dalla bellezza
della terra!
Le lacrime mi
hanno fatto
compagnia

in questo viaggio,
o terra mia, ma ora
s'è svegliata anche
nostalgia e sogno
notte e giorno
casa mia!

(il Grande Padre è il Monte Pollino)