19
Dom, Mag
0 New Articles

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Albisola Superiore e Albissola Marina sono due comuni limitrofi della provincia di Savona. Insieme formano il territorio di Albisole, famoso per l’antica tradizione della lavorazione delle ceramiche. La ceramica di Albisola è infatti conosciuta a livello internazionale, per la sua storia antica, per la lavorazione raffinata e elegante e per l’alto numero di artisti che nel tempo sono rimasti così affascinati dalle produzioni di Albisola da soggiornare in questo territorio per scoprire tutti i segreti delle sue ceramiche. Non a caso, i due comuni sono tra i fondatori dell’AiCC (Associazione Italiana Città della Ceramica), che ha come obiettivo quello di tutelare e valorizzare la ceramica artistica e artigianale italiana.
Il mare, il sole, i caseggiati ben rifiniti, protetti da solide alture, sono ovviamente il primo biglietto da visita di queste località. Ma non appena ci si mette piede, gironzolando senza meta, ci si rende conto di trovarsi in un luogo diverso. La ceramica, qui, permea ogni aspetto della quotidianità e si insinua in ogni spazio. La maiolica compone le insegne dei negozi, occhieggia dalle fontane, riluce nei piatti e nei decori al ristorante. Sono di maiolica persino le targhette informative del percorso turistico. In un contesto del genere, le installazioni e i monumenti di artisti che hanno svolto un ruolo cardine nel secolo appena passato, spuntano in ogni dove. Anche senza entrare in uno dei tanti laboratori sparpagliati sulle due cittadine, la ceramica ti viene incontro e finisce con l’ammaliarti. Ne è un esempio la passeggiata Eugenio Montale di Albisola Superiore.
Ed anche se si continua la camminata per varcare “il confine” e giungere nella vicina Albissola Marina, l’incredulità non ci abbandona. Presto ci si trova a calpestare il Lungomare degli Artisti. Tra la fine degli anni Cinquanta e i primi anni Sessanta, infatti, l’amministrazione comunale dovette procedere al rifacimento del marciapiede lungo la strada costiera, e pensò di far disegnare dei mosaici pavimentali ad artisti che in quel periodo frequentavano assiduamente la città. L'intento era quello di realizzare il nuovo lungomare, concepito come un'opera d'arte pibblica calpestabile. E così avvenne. Ecco perché, oggi, sotto i piedi, si trovano composizioni di Capogrossi, Fontana, Luzzati e Sassu.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

La tecnica antica per produrre maschere veneziane è apparentemente semplice: si usano solo le mani, pochi e semplici materiali, nessun macchinario. In compenso, tra sapere come si fanno le maschere veneziane e padreggiarne la tecnica, ci passano anni di esperienza.
Per creare un nuovo modello di maschera veneziana, prima di tutto si scolpisce una massa di creta. Questa è la parte più creativa del lavoro, che può durare da poche ore a molte settimane.
Dopodichè si mescola della polvere di gesso alabastro con dell'acqua e la si versa sulla scultura. Il gesso è molto liquido all'inizio e scivola sulla maschera inserendosi negli interstizi. Dopo alcuni minuti comincia ad addensarsi.
Dopo 90 minuti circa, il gesso è completamente asciutto e duro. Si ottiene così lo stampo, che registra in negativo la forma della scultura originale.
Si deve liberare lo stampo dalla scultura in creta. Questa di solito viene estratta a pezzi e va purtroppo perduta.
Si unge lo stampo con la vasellina, un ottimo distaccante, e lo si riempie di diversi strati di carta assorbente, tagliata a pezzi e intrisi di acqua e colla. Si tratta di una particolare carta chiamata “cartalana”, la quale, una volta asciutta, non si restringe e mantiene la forma impressa dallo stampo.
Si riempie tutta la superficie dello stampo con molti strati di carta (minimo tre). Le dita sono l’unico strumento veramente adatto per questo lavoro, specialmente se il modello è complesso.
Una volta che la maschera è completamente asciutta (occorrono più di 24 ore senza una fonte di calore) glil strati si uniscono insieme formando un unico pezzo, flessibile e leggero.
A questo punto si può estrarre la maschera grezza dallo stampo.
Se è stata fatta a regola d’ arte, la maschera sarà già liscia e non ci sarà bisogno di coprirne la superficie con lo stucco, che la irrigidisce. Passare dalla teoria su come si fanno le maschere veneziane alla pratica richiede moltissime prove perché ogni passaggio può comportare un gran numero di complicazioni.
Ora si devono aprire gli occhi della maschera grezza e prepararla per la decorazione con diverse mani tempera acrilica bianca che fungerà da base per la decorazione.
La decorazione può essere fatta con ogni tipo di materiale e tecnica. Come con la creazione del nuovo modello, non ci sono limiti alla creatività.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

SEZIONE A TEMA IN LINGUA ITALIANA: "IL SABATO DEL VILLAGGIO "

Prima Classificata ex aequo
GHIRIBELLI FRANCESCA “Mani giunte”
SOZIO ANTONELLA “Rocca”

Secondo Classificato
DI PAOLO VALERIO “Lettera ad un vecchio amico”

Terza classificata ex aequo
LIBERATORE ELISABETTA “Ragazze” (gli anni verdi)
POCHIERO MICHELE “L’antica dimora”

Quarta classificata
DE MAIO ANNA “Frastuono delle emozioni”

Quinto classificato
AMELIO BIAGIO “Il tempo”

Premio Cultura 2023
CIVELLO PALMA “Come un vecchio carillon”

Premio Presidenza della Giuria
MODICA GIUSEPPE “L’orologio a cucù”
ORLANDO FILOMENA “Anziano…”
PARADISO SANTINA “Crepe della vita”

Premio della Giuria
FIORE FRANCESCO “Soltanto un riflesso”

Premio Presidenza Atlantide
COZZANI GABRIELLA “Onde”
FESTI MORENA “Vorrei amarti adesso”
RIZZO VALENTINA “E’ triste anche il tramonto”

Premio Atlantide
CAPRIGLIONE FRANCESCA “Sobborgo del cuore”
IACINO SERAFINA “Ho visto”
MELCARNE IMMA “Aspettando nel tempo”

Premio Speciale “Il sabato Del Villaggio”
ANGORI DOMENICO “Vecchia torre”
PIERGIGLI MATTEO “Sabato mattina”

Plauso letterario Atlantide
GARGANO ALFONSO “La fortuna”
PERINE CETTI “Le stagioni della vita”
ROMANIELLO GIANNI “Il cuore indugia per l’attesa della luce”
SCELFO RITA “E tutto fu poi”
VIGNOLA IRIS “Dinanzi al mare”

Premio Serigrafico
CANINO ANGELO “Il vecchio”
GUIDA ROMUALDO “La speranza non muore mai”

Menzione di merito
BARONI ALBERTO “Ognuno invecchia a modo suo”

Menzione
AMONO FRANCA “Inizia la sospirata estate”
BALDINU STEFANO “Come da un ponte sull’ignoto”
BARONI ALBERTO “A volte la tristezza”
BONFILIO MARGHERITA “Non sarai tu”
IACINO SERAFINA “Passano gli anni”
SCIALPI ALESSANDRO “Fili di speranza”
SOZIO ANTONELLA “Presepio”

Diploma di merito
CASCONE ROSARIO “Quando lo si chiama dolore”
DI PIETRO UMBERTO “Tristi ricordi”
DONNICI GIAMPIERO “Chino nell’attesa”
SIMBARI LUCA VINCENZO “Smarrimento”

Diploma di finalista
BONFILIO MARGHERITA “Prendimi per mano”
CAMESASCA PATRIZIA “Attimi di felicità”
CASCONE ROSARIO “Lo sapremo domani”
CAVALLONE PATRIZIA “J love life” (Io amo la vita)
CENCI PATRIZIA “Amore”
CONFORTI CLAUDIO “Cammino per la città”
CREA ANGELA “Il mondo che vorrei”
DE MAIO ANNA “Mi manchi”
GAZZARA SALVATORE “Primo incontro”
LA MOGLIE SALVATORE “Un giorno tutto lasceremo”
MAGNONE FIORENTINO “Anziano”
MELCARNE IMMA “L’identità”
SPECCHIO LUIGI “Briciole d’amore”

*****************

SEZIONE “POESIA IN LINGUA ITALIANA”

Prima Classificata
DI FRANCIA BARBARA “Nei miei silenzi”

Seconda classificata ex aequo
DI LEGGE NATALINA “Il tormentato mare della sera”
UGOLINI LORENZO “Il ghiaccio nel cuore”

Terzo classificato
BARONI ALBERTO “Vertigine”

Premio cultura 2023
MORABITO CATERINA “Scomoda vicino al cielo”
ROMANIELLO GIANNI “Al carezzevole risveglio del sole”

Premio di merito 2023 “Arti letterarie”
MARASCO MIRKO “Immigrazione: il pianto del mare”
SCIALPI ALESSANDRO “Alito di vento” (Ucraina)

Premio Presidenza Atlantide
BAGLIONE PATRIZIA “Io e l’angelo non andiamo d’accordo”
ERCOLE PAOLA “Nel grembo”
MARRONE MARIA GRAZIA “Ti lascio andare”
SOLARINO DANIELA “I vecchi”

Plauso letterario Atlantide
DI PAOLO VALERIO “Il futuro”
DONNICI GIAMPIERO “Quel sorriso”
LIBERATORE ELISABETTA “Il mare in un sogno”
TAVERNITI ANTONINO “Il tempo della memoria” (a mio padre)

Premio Speciale “Il Sabato del Villaggio”
AMONO FRANCA “La mamma è il fiore più bello”
CAMESASCA PATRIZIA “Amarti”
CASCONE ROSARIO “La vita si aggrappa”
CONFORTI CLAUDIO “Il panorama”
MAZZOLA MARCO “Guerra gelida”
SPITALERI GIOVANNA “Tienimi la mano”
UNIDA MARIA LUIGIA “E’ un vento di levante”

Premio Keramos
SPECCHIO LUIGI “Perdermi in te”

Premio serigrafico
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Ali spezzate”
CROCCHIANTI CLAUDIA “Il pagliaccio”
FORGIONE ANTONIO “Una rosa, una spina”
IACINO SERAFINA “Cammina con me”

Menzione di merito
AMELIO BIAGIO “Cime”
BALDINU STEFANO “Il figlio velato”
BARONI ALBERTO “A volte per viltà”
DI LEGGE NATALINA “Sensazioni d’estate”
DI PIETRO DONATO UMBERTO “La mia valle”
FIORE FRANCESCO “L’incanto di un bagliore”
MACRÌ GIOVANNI “La nostra bandiera”
MODICA GIUSEPPE “Una canzone stonata”
PARADISO SANTINA “A un passo dalla riva” (ispirata dalla strage di migranti a Crotone)
PATITUCCI FRANCESCA “Leggere come una piuma”
PERRONE CETTI “Dedalo di ricordi”
RIZZO VALENTINA “E non desiderammo che noi”
VIGNOLA IRIS “Nella semplice abitudine d’esser donna”

Menzione
CAVALLONE PATRIZIA “Cattiva stagione”
GAZZARA SALVATORE “Dipingere la pace”
ORLANDO FILOMENA “Illusione…”
SCELFO RITA “Sempre caro mi fu quel tramonto” (sulle orme di Leopardi)
SOLARINO DANIELA “Le scarpe dei primi passi”

Diploma di merito
CENCI PATRIZIA “Compagni di viaggio”
FESTI MORENA “Mi sono raccolta”
GARGANO ALFONSO “Il pescatore”
MAGNONE FIORENTINO “Anziano- In ricordo di me"
MUSCARELLA ELVIRA “La speranza”
RIGHI ELENA “Insieme”
RUSSO ROSETTA “Il mio animo”
STAITA MERELINDA “9 marzo 2004”

Diploma di finalista
ANGORI DOMENICO “Sapore di te”
BAGLIONE PATRIZIA “Miseria, perdona noi madri”
CAMPAGNA E.GRAZIELLA “A mio padre”
CANINO ANGELO “Mondo amaro”
CAPRIGLIONE FRANCESCA “Donna con te”
CREA ANGELA “Due come noi”
GALIFI ALDA “Ad un eroe”
GUIDA ROMUALDO “Al di qua degli scogli”
LA MOGLIE SALVATORE “Amo la parola”
MARASCO MIRKO “Orme di sabbia”
MARRONE MARIA GRAZIA “I miei girasoli”
NOTTI MAURIZIO “Il violinista”
ORLANDO FILOMENA “Stridere di carro”
PATITUCCI FRANCESCA “Lacrime di sole”
POCHIERO MICHELE “Il diversismo poetico”
RIGHI ELENA “Gli amanti”
SPECCHIO LUIGI “Risveglio d’amore”

*****************

SEZIONE “POESIA IN VERNACOLO”

Primo classificato
BALDINU STEFANO “Comente pibidas de anghelos ” (In ammentu de Polina, pitzinna ucraina morta in unu bumbardamentu russo a Kiev)

Secondo classificato ex aequo
CANINO ANGELO “A màglia e dèana”
MODICA GIUSEPPE “Quàttru cjiùri 'nta na boccia”

Terzo classificato
MARINO ANTONIO “U tavulatu”

Quarta classificata
PERRONE CETTI “Sciuscia u vientu”

Quinta classificata
SARNATARO IMMA “'A piccerella mia” (Alla mia cagnolina Titty)

Premio Eccellenze italiane 2023 “lingua dialettale”
GAZZARA SALVATORE “La solitudini”
MACRI’ GIOVANNI “Vittima ‘nnuccenti”
NOTTI MAURIZIO “Grazie”

Premio di merito 2023 “Lingua dialettale”
GUIDA ROMUALDO “Chisto è ‘u paese mio”
SCELFO RITA “I Pupi siciliani”

Plauso letterario Atlantide”lingua dialettale”
DI PIETRO UMBERTO DONATO “ ‘A città mia”
PARADISO SANTINA “ ‘A scurata”
POCHIERO MICHELE “Amùri amùri”

Premio Serigrafico
AMALFITANO ALESSANDRO “Gennarino”
MARINO ANTONIO “Cumu terroristi”

Menzione
DI FRANCIA BARBARA “Na fridda jornata i frivaru”
SCIALPI ALESSANDRO “Quantu vulia”

Diploma di finalista
ESPOSITO MICHELA “’U primu d’agustu”
MANCUSO AGNESE “Sule malatu”
PERRI MARINO “Vientu di tramuntana”
RUSSO SABRINA “Missa granne”
VIZZA CARLO “Te vogliu bene”

*****************

SEZIONE “POESIA RELIGIOSA”

Primo classificato
UGOLINI LORENZO “Luce eterna”

Secondo classificato
GHIRIBELLI FRANCESCA “Immacolata visione”

Terzo classificato ex aequo
FIORE FRANCESCO “Immenso amor di Dio”
GAZZARA SALVATORE “La Passione di Cristo”

Premio Speciale Atlantide
IACINO SERAFINA “Preghiera”

Plauso letterario Atlantide
LA ROCCA GIUSEPPE “La mia preghiera”
PARADISO SANTINA “La mia parte migliore

Premio Serigrafico
AMONO FRANCA “Alla Madonna del Pilerio”
CASCONE ROSARIO “L’ha creata dolorosa la vita, Dio!”
MORABITO CATERINA “Sfioraci se puoi”

Menzione di merito
BALDINU STEFANO “In tutte le gradazioni dei miei peccati”
MODICA GIUSEPPE “Nell’ultima domenica di maggio”
ROMANIELLO GIANNI “Trinità”
VIGNOLA IRIS “Chi era colui…”
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Ti cerco”

Diploma di merito
GALIFI ALDA “Preghiera”
UNIDA MARIA LUIGIA “Un canto per te”

Diploma di finalista
CENCI PATRIZIA “Laudato sii o mio Signore”
CONFORTI CLAUDIO “La carne è contro lo spirito”
ERCOLE PAOLA “Dove sei?: Io sono”
GARGANO ALFONSO “L a Prima Comunione”
GUIDA ROMUALDO “Dove sei mio Dio?”
MUSCARELLA ELVIRA “A Gesù Bambino”
NOTTI MAURIZIO “Ti ho cercato, Signore”
SPITALERI GIOVANNA “La vita in preghiera”

*****************

SEZIONE “VIDEOPOESIA”

Prima classificata
VIGNOLA IRIS “Come Giulietta, so d’ascoltar, d’usignolo…”

Seconda classificata ex aequo
FIORE FRANCESCO “Quale sole brillerà sulla piccola tomba”
MUSCARELLA ELVIRA “I sussurri del cuore”

Terza classificata ex aequo
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Ritornerò”
TAVERNITI ANTONINO “C’è sempre una domani”

Quarta Classificata
RUSSO LAURA “La scatola”

Quinta Classificata
CAVALLONE PATRIZIA “Matricola 167973”

Premio Presidenza della Giuria
MARGHERITO ANTONELLA “Ci vediamo lì”
PERRONE CETTI “Viandante senza meta”

Premio Presidenza Atlantide
AMALFITANO ALESSANDRO “ ‘A notte”
CENCI PATRIZIA “Natale di speranza”
FORGIONE ANTONIO “Nostalgia di te”
ODOLI MILENA “In quel piano bar”

Plauso della Giuria
NARDIN DONATELLA “L’occhio verde dei prati”

Premio Serigrafico
SOLARINO DANIELA “Settembre mediterraneo”

Diploma di merito
DI PIETRO UMBERTO “Donne. Voci nella violenza”
GHIRIBELLI FRANCESCA “Morire d’amore”
MARGHERITO ANTONELLA “Dopo la tempesta”
MORABITO CATERINA “18 maggio 2023”
ORLANDO FILOMENA “A te per sempre mio sangue”
SCIALPI ALESSANDRO “Il misterioso potere della notte”
TRIMARCHI LUISA “Alla mia maniera (ridondante)”

*****************

SEZIONE “HAIKU”

Primo classificato
BARONI ALBERTO

Secondo classificato
POCHIERO MICHELE

Terza classificata
GALIFI ALDA

Plauso letterario Atlantide
BARONI ALBERTO

Diploma di finalista
COZZANI GABRIELLA
GAZZARA SALVATORE
MACRI’ GIOVANNI
SCELFO RITA

Diploma di partecipazione
ÀMONO FRANCA
BALDINU STEFANO
CAPRIGLIONE FRANCESCA
CAVALLONE PATRIZIA
CENCI PATRIZIA
IACINO SERAFINA
MODICA GIUSEPPE

*****************

SEZUINE “RACCONTO BREVE”

Prima Classificata
DE MARCO MARIA CONCETTA “La vetrina”

Secondo Classificato
DI PIETRO UMBERTO “Storie di un viaggio”

Terzo Classificato
LA MOGLIE SALVATORE “I campanelli d’oro”

Premio Speciale Atlantide
CENCI PATRIZIA “Un piccolo eroe per un giorno”
CREA ANGELA “Coi piedi nei ricordi”
D’ANGELO BRUNELLA “Nostalgici racconti di un tempo”
GIUBILEI VINCENZA “Una bottiglia di vino”

Premio Serigrafico
CREA ANGELA “Oggi come ieri”

Menzione di merito
MODICA GIUSEPPE “Inseguita dalla vita e dalla morte”
DE MARCO MARIA CONCETTA “Grazia”

Menzione
BONFILIO MARGHERITA “Amiche inseparabili”
CECCHINI PAOLA “Quattro minuti”

Diploma di merito
AMONO FRANCA “Storia di un amore giovanile”
BLUNDA ANTONIO “Breve storia di una lucertola”
NOTTI MAURIZIO “La signora gratta e vinci”
RUSSO LAURA “Ricordi”

Diploma di finalista
DE MARCO LINO “La bussola impazzita”
ESPOSITO NATALE “Un viaggio di difficile ritorno”
GAROFALO MICHELE “Il vecchio pendolo”
RUSSO SABRINA “Il segreto del bosco incantato”

*****************

SEZIONE “FILASTROCCA”

Prima classificata
PARADISO SANTINA “Dove la vita è vita”

Secondo classificato ex aequo
MODICA GIUSEPPE “Sera di fine giugno”
VIGNOLA IRIS “L’ululato del lupo”

Terzo classificato ex aequo
BALDINU STEFANO “Un signore di Patrasso”
VALERIO PATRIZIA “Il gufetto diurno”

Menzione di merito
MACRI’ GIOVANNI “L’arcobaleno”

Diploma di merito
CENCI PATRIZIA “E’ carnevale”
POCHIERO MICHELE “Oh luna”
SARNATARO IMMA “Peonia selvatica”

Diploma di finalista
CANINO ANGELO “Filastrocca”
CIVELLO PALMA “Alluvione”
DI PIETRO UMBERTO DONATO “Ginestre”
ESPOSITO NATALE “La palla che vola alta”
GARGANO ALFONSO “Posso uscire?”
GRECO CLAUDIA “Il fico Federico”
IACINO SERAFINA “Chi la dura la vince”
MANCUSO AGNESE “Le stelline birichine”
RUSSO LAURA “La lampada”
SPAGNUOLO CLAUDIO “L’albero vicino al castello”
TALARICO FILOMENA “Pioggia di colori”

*****************

SEZIONE “LIBRO DI POESIA”

Prima Classificata
NARDIN DONATELLA “L’occhio verde dei prati”

Secondo Classificato ex aequo
BALDINU STEFANO “Storie”
BARONI ALBERTO “Ferenti contrasti”

Terzo Classificato ex aequo
DI PIETRO UMBERTO DONATO “La valle”
SIMBARI LUCA VINCENZO “Il sole in una mano”

Quarto classificato
POCHIERO MICHELE “Le bacche dell’agrifoglio”

Quinta Classificata
BONFILIO MARGHERITA “La stanza dei segreti”

Premio Cultura letteraria 2023
CASATI ROBERTO “Appunti e carte ritrovate” (1988-2020)
PATITUCCI FRANCESCA “Dimensioni parallele”

Premio Presidenza Atlantide
BLUNDA ANTONIO “I giorni del ritorno” Poesie 2005-2010
TRIMARCHI LUISA “Le stanze vuote”

Plauso letterario Atlantide
CENCI PATRIZIA “Compagni di viaggio”
GHIRIBELLI FRANCESCA “Gotica chimera”
LA MOGLIE SALVATORE “La parola che resiste”

Menzione
AIELLO LUCA “Versi liberi”
COSTANZO MARIA “Poesie”

*****************

SEZIONE “PITTURA”

Primo classificato
MAGNONE FIORENTINO “Il pianto delle stagioni”

Secondo classificato
ORRU’ PATRIZIO “Paesaggio della Provenza”

Terzo classificato ex aequo
LA FAUCI ROSARIA “Angolo di Paradiso”
ORRU’ PATRIZIO “Spiaggia di Punta Molentis” /Villasimius (Sardegna)

Quarta classificata
IACINO SERAFINA “Volo di gabbiani”

Quinta classificata
SABELLA MARIA CRISTINA “Termoli”

Premio Presidenza della Giuria
IMPERIO DONATA “Paesaggio toscano”

Premio Presidenza Atlantide
RUSSO ROSETTA “Tra fantasia e realtà”

Plauso artistico Atlantide
LA FAUCI ROSARIA “Donne africane”
MAGNONE FIORENTINO “Le ferite della cultura”
SABELLA MARIA CRISTINA “Siamo Angeli”
UGOLINI LORENZO “Orizzonti lontani”
VALERIO PATRIZIA “Emozione”

Premio serigrafico
GIUBILEI VINCENZA “La locomotiva”

Diploma di merito
GAROFALO MICHELE “Il mio borgo”
GRECO CLAUDIA “Estate di colori”
GRECO ISABELLA “L’azzurro grigio del mare”
LONGO VITTORIO “Natura morta”
MANCUSO LOREDANA “I colori della primavera”
PASCUZZO CARMEN “Cavallo bianco”
PERRI CLAUDIA “Panorama montano”
PROVENZANO MICHELA “La mia terra”

*****************

SEZIONE FOTOGRAFIA A TEMA “I COLORI DELL’ESTATE”

Primo classificato
MODICA GIUSEPPE “Quiete d’un vespro estivo”

Secondo classificato
MACRI’ GIOVANNI “Tramonto sul mare”

Terza classificata
AGNESE MANCUSO “Azzurro mare”
Premio Speciale il Sabato del villaggio
AMONO FRANCA “I colori dell’estate”
IACINO SERAFINA “Estate, festa di colori”
MAGONI DIANA “Il sole nel bicchiere”

Plauso Artistico Atlantide
LA ROCCA GIUSEPPE “Nel blu…la vela bianca ha voglia di volare”
UGOLINI LORENZO “Estate sull’alto Garda”

Menzione
POCHIERO MICHELE “More di rovo”
RIGHI ELENA “Voglia d’estate”

Segnalazione di merito
AIELLO UMBERTO “L’odore del mare”
BRUNO ROSA “Spiaggia colorata”
DODARO MARILENA “La natura ci parla”
MANCUSO AGNESE “Papaveri in festa”
ALESSANDRO VIZZA “Azzurro mare”

Diploma di merito
PERFETTI GIACOMO “Sole e mare”
PROVENZANO IMMA “Tramonto estivo”
PROVENZANO STEFANO “Dietro la nuvola un raggio di sole”
SPAGNUOLO CLAUDIO “Temporale d’estate”
TALARICO FILOMENA “Tutti al mare”
VALLES MICHELE “La quiete sul lago”

Diploma di finalista
AIIELLO UMBERTO “Giochi di bimbi sull’acqua”
CACIOPPO VANESSA “Intenso blu”
DODARO ELVIRA “Un bacio al calar del sole”
MAGONI DIANA “Non compleanno al mare”

*****************

SEZIONE “FOTOGRAFIA A TEMA LIBERO”

Primo classificato
LA ROCCA GIUSEPPE “Nel dorato mare”

Secondo classificato ex aequo
DONNICI GIAMPIERO “Sole tra gli alberi”
SCIALPI ALESSANDRO “La quiete visiva”

Terza classificata ex aequo
CACIOPPO VANESSA “Cassandra”
CAVALLONE PATRIZIA “Lacrime”

Plauso Artistico Atlantide
MODICA GIUSEPPE “Visioni ellittiche”
SPADAFORA LUCA “L’amore della nonna”

Menzione di merito
RUSSO LUIGI “I fiori della pace”
UGOLINI LORENZO “La rosa e il tetto di paglia”

Menzione
AMONO FRANCA “Rosa del mio giardino”
CENCI PATRIZIA “Amore puro”
GALLO GIAMPIERO “Il mio borgo”
GIUBILEI VINCENZA “Sogno verde”
IACINO SERAFINA “Si pavoneggia nel vestito nuovo”
MANCUSO AGNESE “Amore infinito”

Diploma di merito
CRITELLI PATRIZIA “Giostra”
GIORDANO MELISSA “Rocordi lontani”
MAGONI DIANA “Apple e la margherita”
MAGONI DIANA “Inaspettate prospettive”
MARINO LEANDRO “I colori della montagna”
POCHIERO MICHELE “La forza della vita”

*****************

SEZIONE “ARTICOLO GIORNALISTICO”

Primo classificato
MACRI’ GIOVANNI “Siracusa / Spiaggia del Gelsomineto, annega in mare dopo aver salvato due minori”

Seconda classificata ex aequo
CECCHINI PAOLA “Un papavero in un campo di margherite”
RIGHI ELENA “Quando le mura domestiche diventano una prigione” La sconvolgente rivelazione autografa, di una giovane anconetana, come denuncia di abusi di e segregazione, perpetrate in famiglia per più di dieci anni ”

Terza classificata ex aequo
DODARO ELVIRA “La Gioconda” curiosità sul capolavoro di Leonardo
STAITA MERELINDA “Le donne del Verga: bellezza e fascino femminile nella Sicilia dell’Ottocento” Intervista alla prof.ssa Margherita Riggio

Premio Presidenza della Giuria
BONFILIO MARGHERITA “Cambiano i tempi, cambiano i gusti della lettura”
LA MOGLIE SALVATORE “Qualche riflessione su letteratura e menzogna” Il potere della menzogna nella letteratura e il potere della letteratura sulla menzogna. Il caso di Iago nell’Otello di Shakespeare
SCELFO RITA “Tradizioni della Sicilia”

Plauso giornalistico Atlantide
MODICA GIUSEPPE “L'orsa JJ4 è stata catturata. Il 5 aprile scorso aveva ucciso il runner in Trentino”
RUSSO LAURA “Poeti Covid” Come grucce a tener versi

Diploma di finalista
AIELLO UMBERTO “Risanare il territorio dal dissesto idrogeologico”
IACINO SERAFINA “Parole al vento: cronaca, la priorità”
PROCOPIO SERGIO “Cronaca di una morte annunciata”
RUSSO LUIGI “Il lavoro: diritto e dovere sociale… anche delle nostre comunità”
VIZZA LEONARDO “Quando lo sport diventa solidarietà”

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La storia delle maschere del carnevale di Venezia è intrecciata con le vicende della città e della Repubblica di Venezia. Le maschere veneziane non sono solo un accessorio irrinunciabile del celebre Carnevale, ma sono state le protagoniste di scandali, tradizioni e usanze cittadine anche al di fuori delle feste sfrenate di Casanova.
L’uso delle maschere viene regolamentato solo a partire dal 1200 e nel 1400 nasce l’ordine dei fabbricanti di maschere veneziani, i “mascareri”.
Forse non tutti sanno che un tempo i veneziani erano mascherati per molti mesi all’anno, principalmente per tre ragioni:
- il Carnevale anticamente andava dal 26 dicembre al Mercoledì delle Ceneri;
- la maschera veniva indossata come “precauzione” in affari rischiosi, come il gioco d’azzardo o i loschi scambi fra mercanti e contrabbandieri;
- chi era mascherato “giocava” ad interpretare un ruolo e come tale non poteva essere arrestato per le sue condotte al limite della legalità.
Nella storia della Serenissima si susseguirono leggi che proibivano di indossare la maschera nei casinò, durante la notte, nei monasteri, nei postriboli (per colpire principalmente l’uso della Gnaga, la maschera da gatta indossata dai maschi che si prostituivano). Allo stesso tempo, la maschera era obbligatoria per le donne che andavano a teatro ma vietata alle ragazze in attesa di marito.
Col passare del tempo, la maschera venne permessa solo durante il Carnevale e nel corso dei banchetti speciali. Cadde definitivamente in disuso con la fine della Serenissima, nel 1797, e rimase nei cassetti di Venezia per quasi 200 anni. Quando nel 1979 la maschera fu riammessa a Venezia, tornarono a fiorire le botteghe dei mascareri, segno che la tradizione era solo rimasta sopita sotto la cenere senza mai spegnersi del tutto.
Grandi celebrità mascherate, personaggi di fantasia o nobili mestieri sono stati immortalati nell’iconografia cittadina.
Giacomo Casanova: avventuriero, intellettuale e libertino veneziano, grande frequentatore dei più prestigiosi ed equivoci salotti della città, viene spesso ritratto mascherato;
Il medico della peste: se un tempo il medico della peste indossava una maschera dal lungo naso imbottito di medicamenti disinfettanti, per questioni sanitarie la sua figura suggestiva dal profilo inconfondibile divenne una maschera tradizionale;
La Baùta: completata da tricorno e tabarro, la Baùta è la maschera veneziana per eccellenza, indossata da uomini e donne in tantissime occasioni del passato. Può essere bianca o riccamente ornata, ma resta una delle protagoniste del Carnevale di Venezia.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

di Nicoletta Toselli

Pubblicato il bando del Premio artistico letterario, ideato e promosso da “Atlantide – Centro studi nazionale per le Arti e la Letteratura“, dal gruppo “Apri il cuore alla poesia” e dal quotidiano nazionale “La VOCE agli italiani“, che rappresenta un’importante iniziativa volta a valorizzare e promuovere le varie espressioni culturali presenti nel nostro Paese.

Leggi tutto...

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

"Quadretto nostalgico dell’infanzia incentrato sulla figura materna e che poggia su un lessico della nostra tradizione poetica."

ALBORI ANTICHI DI POESIA
di Rosalba Di Pietro

Canto di merli al mattino dischiuso,
spicchio di luna si rischiara,
luminosa zefiro si affaccia
da calotta di zaffiro cristallino,

remoto ricordo d’infanzia
si palesa dall’ombra,
era il tempo dei mandorli in fiore
e tu mamma mi conducevi quel mattino
con te al tuo lavoro.

Canto d’uccelli per le deserte vie
tinte d’oro dei primi albori,
passi sonori tra il crepitar di foglie

e tu mamma, angelo mio
con te mi portavi alla tua scuola
incanto alle prime luci d’un paesello dormiente,
gerani fioriti lungo i gradini in pietra

panni leggeri che aleggiavano
al vento discreto per i campi,
giochi di bimbi abbandonati
lungo le deserte scale dietro il cancello,
canti di galli e di galline

poesia turgida affiorava dal mio cuore fanciullo
ad albori antichi di lontana primavera.

*************

"Dal paesaggio al personale: la contemplazione dell’intorno diventa momento di riflessione sulla figura materna, sempre vicina nonostante non ci sia più".

SENZA MAI ALLONTANARTI
di Giuseppe La Rocca

 Il sole è sempre più basso,
gli ultimi raggi saltellano sulle onde
assecondandone il moto.
Il cielo cangia in pochi minuti,
passando dal giallo al rosato
per poi incupirsi in un rosso violaceo.
Me ne sto seduto davanti al tramonto
e tra gli sfilacci di nuvole,
che pendono dal cielo,
come ragnatele ordite dagli angeli,
percepisco il tuo volto, Madre.
Rivedo i nostri settant’anni insieme.
Tu, ancor giovane, rimasta da sola ad accudire
un nido d'affamati implumi, di cui io ero l'ultimo.
Fatiche mal pagate, soprusi, rifiuti, indifferenza.
Lacrime ad inzuppar guanciali nella notte,
di giorno non ci mancava mai un tuo sorriso.
Le mani rovinate dal gelo di gennaio
e dai lavori nei campi sotto il solleone.
Ricordo il giorno in cui, per occorrenza di vita,
mi accompagnasti ad altro affollato nido,
dove strane donne cercavano di surrogare madri.
Il mio pianto disperato, il tuo a stento trattenuto.
Anni non belli quelli, ferite che lasciano il segno.
Eppure, ce l'abbiamo fatta, Madre!
Il tempo è volato e tu da qualche anno,
dopo lunga vita, sei andata via.
Senza mai allontanarti, però.

*************
"Delicata e nostalgica riflessione sulla figura materna sulla quale ogni pensiero converge".

MIA MADRE
di Elisabetta Liberatore

Tutto il tempo trascorso in fondo alla vita,
dentro fatiche di numeri senza peso
e stagioni macerate tra le zolle,
lo avrei rovesciato
dentro mille lune di fosforo
se solo avessi saputo ascoltare
il fondo d'inchiostro dei tuoi occhi notturni
le vene turchine
e l'ansia mite celata dietro
un volto già fragile.
Sciupiamo il tempo amato
per uno scoccare impuro di sirene
nelle vaste officine dei giorni
mentre l'aria gialla degli occasi
gronda dalle facciate dei palazzi in fiamme
e una sera perniciosa scorre rasoterra.
Tu mi resti accanto
il filo di poche rade parole,
nel pugno tutto il chiuso delle parentesi
e il tremolare della tua palpebra stanca,
ma sentirti ogni giorno
è il battesimo che rimane,
il finale che si ricompone ogni volta,
ritrovarti dove i pensieri
divaricati si ricongiungono.

*************

"L’unicità della figura materna che permea tutta la vita e che di sé lascerà un dolce ricordo in ciò che è il nostro intorno".

QUANDO ANDRAI VIA O MADRE
di Giuseppe Modica

Quando andrai via o madre
porta con te il mio cuore
perché sarà lo scrigno
dei ricordi e dell’amore.
Lascia al mondo il corpo,
solo, indifeso.
Gli occhi c’ancor gli apparterranno
scorgeranno il tuo ricordo in ogni cosa.
La pioggia avrà di te memoria
perché da essa mi riparavi;
ti ricorderà il vento
perché da lui mi coprivi;
scordar non potrà di te il mare
perché non ha vinto lo sguardo
di quando il tuo bimbo vigilavi;
la notte ti rispetterà perenne
per aver vegliato il mio sonno;
il tetto del mondo ti accoglierà
con mille battiti d’ali,
ed a lui volgerò lo sguardo
fino alla fine di me
per cercarti o madre,
tra milioni di madri.

*************

"La discreta e protettiva presenza delle mamme nella nostra vita in un componimento lessicalmente dolce e amaro".

LA VECCHIA MAMMA
di Alessandro Porri

Le mamme sono angeli insolenti
vestono l’abito del ricatto
per bramare il tuo tempo
troppo spesso discorde dal loro.
Respirano un’angoscia
la crescente paura
che ne bagna i pensieri
e la sera fa più scura.
Grida d’allarme da corde stanche
come sirene urlanti per richiami di sangue,
per bearsi soddisfatti di briciole di istanti,
troppe volte briciole di briciole di attimi.
Dispensano doni gioiosi e acuti pianti,
per attrarti i primi per farti restare gli altri,
un inganno vestito d’amore
o un amore costretto all’inganno?
Vecchie caramelle in vecchie borse,
esche per svelte mamma e bambini,
quel bisogno di sentirsi ancora vivi.
In mano ad un rosario aspettano
non citando mai la morte,
c’è rispetto e anche spavento.
In un soffio che è volato
ti ritrovi a svuotare quella borsa
caramelle, monetine per le offerte,
una croce e una foto di famiglia.
Un ricordo in bianco e nero,
di un’estate che è la vita,
e una lacrima di sale
che un’onda va a incontrare.

*************

"Il trascorrere del tempo, nella descrizione dei simboli del giorno e della notte, per ricordare la presenza materna, magica e speciale sempre".

UNA LUCE A RISCALDARMI
di Jessica Tommasi

La luna,
occhio del cielo,
s’intaglia in una fessura in mezzo al blu
per affacciarsi e occhieggiare dall’alto
tutto ciò che sotto di lei dorme.
Perlaceo squarcio
emana una nebbia luminosa
sfumando, confusa
in un’oscurità di velluto
su cui ogni notte rotola.
Le cime non interrompono la luce
piuttosto quasi sembrano risponderle
con quella loro netta nerezza
imprecisamente verdeggiante.
Il tuo silenzio,
mamma,
come sinuoso pulviscolo
giace nell’aria,
spruzzando tutt’intorno una magia indefinita:
pennellate impercettibili ma progressive
d’azzurro ridipingono lo scenario
riconferendo a esso
le fattezze di un giorno speciale.
Allor irrompe il sole
col suo fracasso di luce
seminando lame caleidoscopiche
e intreccio ciglia per guardarti
non posso far altro che rammentare il bene
che ti voglio e ti vorrò sempre.

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il carretto siciliano è senza dubbio un vero e proprio oggetto d’arte e d’artigianato che, costruito con diverse qualità di legno, è spesso fregiato da intagli bucolici e sgargianti decorazioni pittoriche. Il mezzo, che una volta veniva utilizzato per trasportare i prodotti della terra ed il legname, si trasformò nel tempo e divenne sempre più elaborato. Da semplice carretto monocromatico, dotato di ruote grandi per percorrere i terreni accidentati, si arricchì di veri e propri dipinti. I pittori li acquerellavano prendendo spunto dall’opera dei pupi siciliani, oppure da vicende religiose o letterarie. Non solo, con quelle pitture, si impermeabilizzava il legno del carretto: quei disegni avevano molteplici valenze. Le figure religiose servivano per proteggere il mezzo dalla malasorte, mentre i disegni tutt’insieme erano una sorta di “pubblicità”: i carrettieri iniziarono a vivere un miglioramento della loro condizione sociale e, attraverso i colori e gli intarsi, cercavano di attirare l’attenzione sui loro prodotti.
Oggi il carretto viene relegato alle feste ed alle sagre di paese e la sua costruzione è rimasta pressochè identica. Più professionisti lavorano per dar vita ad uno di essi: l’intagliatore, il fabbro, il “carradore” (colui che unisce tutte le sue parti), “u siddaru” (chi prepara l’animale da traino – un mulo, un asino o un cavallo – ricoprendolo di ornamenti e di pennacchi).
Realizzato in legno, si compone di un pianale di carico prolungato davanti e dietro da due “tavulàzzi”, su cui sono montanti le sponde e un portello posteriore. Ogni sponda è divisa in due riquadri in cui vengono dipinte le scene. Le ruote, che sono due, si compongono di 12 raggi, anche questi arricchiti da intagli ma anche di fiori, aquile, sirene e teste di paladino.
Negli anni più recenti, il carretto siciliano ha ispirato l’arte e la moda: il pittore Renato Guttuso attinse al loro mondo per tutta la sua opera; il celebre marchio “Dolce & Gabbana” trasformò lo stile dei carretti in una collezione moda dedicata alla Sicilia.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva



Il Premio letterario, promosso da "Atlantide - Centro studi nazionale per le Arti e la Letteratura", dal gruppo "Apri il cuore alla poesia", e dal quotidiano d'informazione nazionale "La VOCE agli italiani", con il patrocinio di diverse associazioni culturali che operano sul territorio, si pone l'obiettivo di valorizzare e promuovere le espressioni culturali del Paese e, nello stesso tempo, tutelare e preservare il dialetto.

Leggi tutto...

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 


PRIMA CLASSIFICATA
TOMMASI JESSICA “Una luce a riscaldarmi”

SECONDO CLASSIFICATO EX AEQUO
MODICA GIUSEPPE “Quando andrai via o madre”
PORRI ALESSANDRO “La vecchia mamma”

TERZO CLASSIFICATO
LA ROCCA GIUSEPPE “Senza mai allontanarti”

QUARTA CLASSIFICATA
ELISABETTA LIBERATORE “Mia madre”

QUINTA CLASSIFICATA
DI PIETRO ROSALBA “Albori antichi di poesia”

 

PREMIO DELLA CRITICA
MACRÌ GIOVANNI "Mi manchi"

 

DIPLOMA DI FINALISTA
AMELIO BIAGIO “Quell’angolo”
ANGORI DOMENICO “Messaggio a mia madre”
BARILLARO FRANCO “Madre”
BERTELLI MIRKO “Madre Vita”
BLUNDA ANTONIO “Canto materno”
CAMESASCA PATRIZIA “Mamma”
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Grazie, mamma”
CANINO ANGELO “Vuole soltanto amata”
CARCATERRA LORETA “Mamma”
CASCONE ROSARIO “A mia madre”
CENCI PATRIZIA “Mamma”
CIVELLO PALMA “Madre, non solo una parola”
CONTINO ALBA “Mamma – mio fiore sempre vivo-”
COZZANI GABRIELLA “Una sola parola: mamma”
CUMBO SIMONE “A mia madre”
DI FRANCESCO LUISA “Mammina mia”
DI LIBERTO IRENE “Sei”
DI PIETRO UMBERTO “Mamma”
FERRI MARCO “La mamma è per me”
FICCO LAURA “Il buio sulle labbra”
FOGGETTI MARIA “Per te”
FRANZE’ ANTONIO “Mamma”
GALIFI ALDA “Dedicata”
GARGANO ALFONSO “Ti ho…”
GATTO BENIAMINO “Sogno di mamma”
GAZZARA SALVATORE “Mamma”
GHIRIBELLI FRANCESCA “Il sogno del mondo”
IMPERIO DONATA “A te, Madre”
LA FAUCI ROSARIA “Mamma”
LA MOGLIE SALVATORE “Mamma, tanto sei preziosa”
LA ROSA KETTY “Il nome”
LEONI CLARA “Mamma”
LITTA DANIELA “Mamma”
MAGNONE FIORENTINO “Le mamme”
MANUELA CECCHETTI “Mamma…l’epiteto più sacro sulla Terra”
MARASCO MIRKO “Mamma-bellezza divina”
MARRONE MARIA GRAZIA “Mamma”
MARTINELLI NADIA “Mamma”
MASTROIANNI LAURA “Mamma”
MELCHIORRE SERGIO “L’uncinetto d’avorio”
MORABITO CATERINA “Nella mia tenerezza, la tua”
MORELLI CLAUDIO “A mia madre”
MUSCARELLA ELVIRA DOMENICA “Vorrei tornare indietro”
PACI GABRIELLA “Ti ritrovo”
PAOLINELLI MARIA RENATA “A mia madre”
PITERA’ RAFFAELA “Mamma”
REA PASQUALE “La mamma è mamma”
RIZZO BARBARA “Eterno amore”
RODOLAO SARA “Io sogno lei”
RUSSO LAURA “Ti ho sognata”
SABELLA MARIA CRISTINA “Mamma”
SCORRANO ATON “Madre disabile”
SCOTTI ALFREDO “Navigante amore”
STAITA MERELINDA “A mia madre”
UNIDA MARIA LUIGIA “Indimenticabile ricordo”
VALENZANO MILLY “Il tuo giardino delle rose”
VALLARIO ANNA MARIA “Il respiro di mia madre”
VINCI SCIABO’ MELANIA “Madre”
ZARAMELLA STEFANO “Sei mamma!”

 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Le pipe calabresi sono il fiore all’occhiello dell’artigianato locale, una tradizione che si tramanda da padre in figlio e porta a lavorare il legno con grande maestria. Si tratta di un lavoro delicato e passionale. La produzione delle pipe è legata soprattutto alla conformazione del territorio, ricco di risorse forestali ed agricole, che ha favorito la produzione di legname permettendo così ai pastori, nelle lunghe ore di sosta passate tra le montagne a guardia del gregge, di dedicarsi all’arte dell’intaglio per realizzare attrezzi e suppellettili di uso quotidiano; un'attività agro-pastorale che, nel corso degli anni, si è raffinata tanto da arrivare a generare una fiorente attività produttiva.
I meriti vanno sì alla naestria degli artigiani, ma anche alla materia prima, la radica calabrese, ovvero l’Erica Arborea che, dato il basso contenuto di tannini, è considerata la migliore al mondo per qualità. Le pipe, infatti, sprigionano un ottimo sapore quando le si fuma, meno aspro ed amaro rispetto alle altre.
Oggi la produzione più rappresentativa è insediata a Brognaturo, piccolo centro montano in provincia di Vibo Valentia. Il punto di riferimento è la famiglia Grenci, senza la cui arte la pipa non avrebbe avuto un successo così duraturo. Da oltre quarant’anni e da ben tre generazioni, realizza capolavori in radica di erica intagliata, seguendo ancora i vecchi metodi di lavorazione. Le opere sono apprezzate da una clientela d’elite, da veri e propri estimatori: dall’ex presidente della Repubblica e grande collezionista Sandro Pertini, Enzo Bearzot e lo storico sindacalista Luciano Lama
Ma c'è un altro luogo, in Calabria, che lega il proprio nome alle tradizionali pipe locali: si tratta di Scido, Reggio Calabria, un piccolo paese dell'Aspromonte che, per lungo tempo, ha ospitato numerosi artigiani dediti alla produzione di pipe di pregio.
Per celebrare questa lunga tradizione, qualche anno fa l'Amministrazione comunale, con l'acquisizione di Palazzo Ruffo, decise di allestire un museo dedicato alla tradizione contadina ed artigiana della zona. La pipa è protagonista di un'intera sala, che accoglie oltre duecento esemplari realizzati dal compianto Mastro Rocco De Giglio, abile artigiano locale. In una vetrina fanno bella mostra di sé pregiate pipe a forma di uccello, nelle altre, invece, sono custoditi esemplari a forma di mammiferi, di rettili e persino di animali preistorici e di personaggi storici e politici. Una collezione estremamente varia e particolare.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

POESIA A TEMA: “CAREZZE D’AUTUNNO”

Prima classificata
MALITO ANTONIETTA “Un’emozione scarlatta”

Seconda Classificata ex aequo
CIVELLO PALMA “Vibrazioni d’autunno”
VINACCIA ELEONORA “D’autunno e di ieri”

Terza Classificata
GHIRIBELLI FRANCESCA “Novembre”

Quarto Classificato
MODICA GIUSEPPE “Nelle sere interminabili”

Quinta Classificata
CAMPAGNA MARIA GIUSEPPINA “Foglie d’autunno”

Premio Presidenza Atlantide
IACINO SERAFINA “Arriva l’autunno”
DI PIETRO UMBERTO DONATO “Autunno”
PATITUCCI FRANCESCA “Aere d’autunno”

Premio Speciale Magna Graecia
RINFORZI LOLITA “Autunno”
SCELFO RITA “Ho ascoltato l’autunno”

Premio Serigrafico
CHIRICOSTA ROSA “Viale d’autunno”
GIANFELICI ANNA “Carezze d’autunno”
ROSSETTI VITA “I filari dell’amore”

Menzione di merito
AMONO FRANCA “Doni dell’autunno”
BONFILIO MARGHERITA “I colori dell’autunno”
CENCI PATRIZIA “Carezze d’autunno”
DONNICI GIAMPIERO “L’autunno si colora”
FIORE FRANCESCO “L’ultima danza”
GAZZARA SALVATORE “Il variar del tempo”
VIGNOLA IRIS “All’albore d’autunno”

Diploma di merito
CHIRICOSTA ROSA “L’ambra e l’oro”
COZZANI GABRIELLA “Fine settembre”
PATITUCCI FRANCESCA “Fremiti in settembre”

Diploma di finalista
BALDINU STEFANO “Le voci, i nomi, la vita”
FIORINO CARMELO “Melodie nei miei silenzi”
GARGANO ALFONSO “In arrivo il temporale”
GARITO VERONICA “Tramonto d’autunno”
GUIDA ROMUALDO “Sera d’autunno”
IACINO SERAFINA “Colori d’autunno”
PARADISO SANTINA “Settembre: dolcezza nell’aria”
POCHIERO MICHELE “Profumo di foglie marce”
RINFORZI LOLITA “L’autunno profuma di pane”
RUSSO ROSE “Sera d’autunno”
UNIDA MARIA LUIGIA “Un giorno d’autunno”


POESIA A TEMA: “IL TEMPO SCORRE VELOCE”

Prima Classificata
VARGIU LAURA “Il germoglio d’un sorriso” A mio padre ottantenne

Seconda Classificata
SOZIO ANTONELLA “Casa perduta”

Terzo Classificato ex aequo
FIORE FRANCESCO “L’ultimo serale rintocco”
UNIDA MARIA LUIGIA “Il suo richiamo”

Quarta Classificata
TAGLIENTE GRAZIA “E il tempo va”

Premio Presidenza della Giuria
FICCO LAURA “Il mio tempo”

Premio Speciale Magna Graecia
IACINO SERAFINA “La sabbia scende”
SEVERINO GIUSEPPE “Il tempo passa e va”

Premio Serigrafico
CASALI SAMANTA “Ricordi d’infanzia”
CENCI PATRIZIA “Come sabbia”
DIRENZO ALESSANDRO “Resistenza”
GARGANO ALFONSO “Uomo solitario”

Menzione di merito
ABBATE ANGELO “Il grido del vento”
CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIELLA “Vento d’inverno”
MODICA GIUSEPPE “Il sognatore di Sorrento”
ROMANIELLO GIANNI “Scorre il tempo inebriato da luce esigua”

Diploma di merito
DI PAOLO VALERIO “C’era una volta la bella del paese”
DI PIETRO UMBERTO DONATO “Tempo”
FESTI MORENA “Sui gradini del tempo”
FICCO LAURA “Le viti dell’amore”
GUIDA ROMUALDO “Ed è già domani”
NOTTI MAURIZIO “Passato futuro”
PACI GABRIELLA “L’abito sfuggito dei giorni”
PARADISO SANTINA “Brandelli di memoria”
SCELFO RITA “Frammenti di ricordi”

Diploma di finalista
BALDINU STEFANO “Ritorno alla vigna” a mio nonno Giomaria Baldino
BONFILIO MARGHERITA “Tempo tiranno”
CARLUCCI FRANCESCO “Sudato di ricordi”
CONTI FRANCESCO “Tra sogno e realtà”
DI LEGGE NATALINA “Le ore della vita”
DI LEGGE NATALINA “Nel veloce trascorrere degli anni”
DONNICI GIAMPIERO “Quando?”
FIORINO CARMELO “Ombre di pensieri al chiaro di luna”
GAZZARA SALVATORE “Il ricordo di ciò che fu”
GIANFELICI ANNA “La fuga del tempo”
LA FAUCI ROSARIA “Vita”
LA MOGLIE SALVATORE “Il giorno più perduto e vano”
MALITO ANTONIETTA “Tempo”
PATITUCCI FRANCESCA “Il mio tempo”
SCHIENA IMMA “Voglio tornare”
VENTICINQUE GIUSEPPE “La vecchietta del trenino”
VIGNOLA IRIS “Rosso di passione”

Diploma di partecipazione
CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIELLA “Sogno”
CANINO ANGELO “Il viaggio della vita”
CENCI PATRIZIA “Sabbia fra le dita”
GARGANO ALFONSO “L’attesa”
POCHIERO MICHELE “Impermanenza”
VALENZANO EMILIA “Ugo”


POESIA A TEMA: "LUOGHI, SAPORI, COLORI, TRADIZIONI..."

Prima Classificata
VIGNOLA IRIS “Borgo antico”

Secondo Classificato
FIORINO CARMELO “Innamorarsi a Sirmione”

Terzo Classificato
MODICA GIUSEPPE “Vicoli e memorie”

Quarto classificato ex aequo
ABBATE ANGELO “Nel rifugio d’ombra”
ROMANIELLO GIANNI “Attratto dal mio natio borgo”
Quinta classificata ex aequo
GIANFELICI ANNA “Marechiaro” (dedicato a Roseto degli Abruzzi)
PARADISO SANTINA “La rada delle tortore”

Premio Presidenza Atlantide
GAZZARA SALVATORE “Distesa azzurra”

Premio letterario Atlantide
IACINO SERAFINA “Il mio paese, Grimaldi”

Premio Speciale Magna Graecia
AMELIO BIAGIO “Taranta, tarantella…”

Premio Serigrafico
POCHIERO MICHELE “Il valzer dei ciclamini”

Diploma di merito
CAMESASCA PATRIZIA “Magnifico tramonto”
MALITO ANTONIETTA “Vicolo cieco”
PERRONE CETTI “Malinconici Tramonti”
RUSSO LAURA “Testimone del tempo” (Dedicata ai Templi Paestum)
SCELFO RITA “Ed io ti amo…terra mia!”
SOZIO ANTONELLA “Limatola”

Diploma di finalista
BALDINU STEFANO “L’anima profonda delle pozzanghere” (a Lecce in una domenica mattina di pioggia)
BONFILIO MARGHERITA “Terra aprutina”
CANINO ANGELO “Il vicolo”
CARLUCCI FRANCESCO “Come in una fiaba”
CHIRICOSTA ROSA “Megale Hellas”
DI PAOLO ANTONIETTA “Voci antiche”
DI PIETRO UMBERTO DONATO “Cavalcata tra la natura”
GIANFELICI ANNA “Abruzzo”
SPECCHIO LUIGI “Cetara”
SPECCHIO LUIGI “Luna delle fragole”

Diploma di partecipazione
CREA ANGELA “La mia Calabria”
FERRO ROSA “L’esistenza pura”
GARGANO ALFONSO “Tramonto sullo Stretto”

 

POESIA “LINGUA ITALIANA”

Primo Classificato
MODICA GIUSEPPE “Nella città dei mortali”

Secondo Classificato ex aequo
DONNICI GIAMPIERO “Piuma”
RIZZO VALENTINA “Stringo il cielo dei tuoi sguardi”

Terzo Classificato ex aequo
BALDINU STEFANO “Pasqua 2023”
PERRONE CETTI “Il concerto della vita”

Quarto Classificato
MONETTI MASSIMO “Come libellula”

Quinto Classificato ex aequo
CAMESASCA PATRIZIA “La voce della vita”
ROMITA VITO “L’unica via”

Premio Presidenza della Giuria
IANNUZZI GENNARO “L’indifferenza”
DI PAOLO VALERIO “Appunti per una lettera a mia figlia”

Premio Presidenza Atlantide
DI LEGGE NATALINA “Verso dove”
VENTICINQUE GIUSEPPE “Nessuno vede”

Premio Letterario Magna Graecia
CASATI ROBERTO “Volano nella sera d’’estate”
FERRO ROSA “Vita”
PAOLINELLI MARIA RENATA “Assoluto nella tua voce”
RIGHI ELENA “Solitudine”
SPECCHIO LUIGI “Fogli accartocciati”

Premio Speciale Magna Graecia
ANGORI DOMENICO “Arriveranno quei giorni”
CECCHETTI MANUELA “Sorrisi”
KALLCO ARJAN “Elegia a mio padre”
MARASCO MIRKO “Voci oltre l’oscurità di Caivano” (dedicata alle due cuginette violentate a Caivano)
MASTROIANNI LAURA “Melodia d’amore”
MEZZAPELLE VITO “Un recondito desiderio”

Encomio d’onore
VIGNOLA IRIS “Lunare triade di idee antiche”

Premio Serigrafico
CASCONE ROSARIO “Il mare e il pescatore”
CREA ANGELA “Visioni d’estate”
CUGLIETTA MARIO “La panchina”
GUIDA ROMUALDO “Il coro degli Angeli”
IANNETTA PATRIZIA “Ho raccolto i panni”

Menzione d’onore
DI PIETRO UMBERTO “La luna”

Menzione di merito
FIORE FRANCESCO “Artista di abusi e di inganni”
GAZZARA SALVATORE “Naufragio a Cutro”
GHIRIBELLI FRANCESCA “Sangue, dono d’amore”
MACRÌ GIOVANNI “Non è possibile dimenticare” (in memoria di Mahsa Amini)
SCELFO RITA “Quella porta chiusa”
VINACCIA ELEONORA “Fanciulla notte”

Diploma di merito
BARONI ALBERTO “Le mie mani”
CIVELLO PALMA “Ultima spiaggia”
FIORINO CARMELO “Tuonano le viscere del Medio Oriente”
IACINO SERAFINO “Con le scarpe in mano”
ROMITA VITO “Hic et nunc”
RUSSO PAOLO “Solitudine muta”
SCIALPI ALESSANDRO “Fragili intuizioni”
SPECCHIO LUIGI “Nuvole di fumo”

Diploma di finalista
AMELIO BIAGIO “Il treno”
AMELIO BIAGIO “La mia solitudine”
ANGORI DOMENICO “Vago nel silenzio”
BARONI ALBERTO “Torna sempre l’alba”
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Caro quaderno”
CANINO ANGELO “Un mondo nuovo”
CECCHETTI MANUELA “La vita ora è viva”
CONTI FRANCESCO “Il mare è…”
FICCO LAURA “Respiro la vita”
GANCI GIUSEPPINA “Passione eterna”
IANNUZZI GENNARO “Oltre le differenze…”(amicizia e filosofia)
LA MOGLIE SALVATORE “Com’era bella una volta la nostra terra!”
MARASCO MIRKO “A Calliope”
MONETTI MASSIMO “Prima della sera”
NOTTI MAURIZIO “Il lago Cecita”
PACI GABRIELLA “Nel tempo che resta” (Alzheimer)
PAOLINELLI MARIA RENATA “Hypnotic”
PARADISO SANTINA “L’amore oltre la morte”
POCHIERO MICHELE “Ricordo era settembre”
RIGHI ELENA “Invisibile”
RIZZO VALENTINA “Regalami ancora te”
SCIALPI ALESSANDRO “Io e lui, in lei l’eterno”
SPITALERI GIOVANNA “Libera verso una meta sconosciuta”
STAITA MERELINDA “L’inganno”
VALENZANO EMILIA “Acrofobia del nostro ultimo tramonto brunito”
VARGIU LAURA “Ho visto donne sorridere”
VENTICINQUE GIUSEPPE “Il sogno dei gigli bianchi”

Diploma di partecipazione
AMONO FRANCA “Gli occhi dei nipotini”
CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Sogno spezzato”
CARLUCCI FRANCESCO “Una carezza nella notte”
CASATI ROBERTO “Ho giocato piano in silenzio”
CASCONE ROSARIO “Roma”
CENCI PATRIZIA “A voi che siete la mia vita”
CENCI PATRIZIA “Quelli che si amano”
CONTI FRANCESCO “Emigranti”
DI LEGGE NATALINA “Quello che credevo di aver dimenticato”
GANCI GIUSEPPINA “Barlume di speranza”
GIANFELICI ANNA “Il prezzo della verità”
IANNETTA PATRIZIA “Per sempre”
MEZZAPELLE VITO “Solstizio di primavera”

 

SEZIONE “POESIA VERNACOLO”

Primo Classificato
MODICA GIUSEPPE “’U ‘ghiàssumìnu ra ‘gna Mita”

Secondo Classificato ex aequo
CRISEO ROCCO “Terra ‘ngrata”
MACRI’ GIOVANNI “2 aprili 1985” (dedicata alle vittime di mafia morte nella strage di Pizzolungo-TP: Barbara, Giuseppe e Salvatore)

Terzo Classificato ex aequo
CANINO ANGELO “Pàrrani i muri”
POCHIERO MICHELE “Allùci stid’allùci”

Quarto Classificato ex aequo
FIORINO CARMELO “Angiuli senza ali”
ROMUALDO GUIDA “ ‘A staggione”

Quinto Classificato ex aequo
BALDINU STEFANO “Quande arvo i barcoin”
CASCONE ROSARIO “ ‘E vicole ‘ e Napule”

Premio Presidenza Atlantide
MARINO ANTONIO “A cursa d’a vita”
NOTTI MAURIZIO “Scherzi da memoria”
VASTARELLA MARIO “Terra malata”

Premio Magna Graecia “Lingua dialettale”
CONTI FRANCESCO “Sirinata siciliana”
CUGLIETTA MARIO “Me cunta ‘n emigrante”

Premio Serigrafico
CAMPAGNA GRAZIELLA “Amuri pa me terra”
CONTI FRANCESCO “ ‘A vita è sempri ‘a stissa”
GAZZARA SALVATORE “La fimmina nun si ‘mmazza”
LAUGELLI MAURIZIO “Mi sanau l’amora”
PERRONE CETTI “‘I paroli ca ‘un sacciu diri”
SCELFO RITA “Passannu li Madonie” (sulle orme di Carducci)

Menzione di merito
CRISEO ROCCO “Nta farmacia”

Diploma di merito
DI PIETRO UMBERTO “La sculettata”
LA ROCCA GIUSEPPE “ ‘A fotografia”
MARINO ANTONIO “Ccussi nascimu tutti”
SEVERINO GIUSEPPE “Fimmina eni vita”

Diploma di finalista
AMONO FRANCA “Rrada senza marciapiedi”
CASCONE ROSARIO “A sfurtuna”
LAUGELLI MAURIZIO “La famigljia è de Dio benaditta”
PARADISO SANTINA “Colapisci teni ‘a Sicilia”


SEZIONE “VIDEOPOESIA”

Prima Classificata
CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIELLA “A mio padre”

Seconda Classificata
SCHIENA IMMA “Inno alla libertà”

Terzo Classificato
FIORE FRANCESCO “Ovunque tu sia ti bramo”

Quarta Classificata
CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIELLA “Ricordi”

Encomio di merito
VARGIU LAURA “Credo a Mahmud Darwish”
VIGNOLA IRIS “Luna nera”

Encomio
RUSSO PAOLO “Il castello nella neve”

Menzione di merito
SCIALPI ALESSANDRO “L’amore dal desiderio più profondo”
SIMIELE ORLANDO “Scogliere d’amore”

Menzione
CENCI PATRIZIA “Se potessi”
GHIRIBELLI FRANCESCA “Amami”
RUSSO LAURA “Complici”

SEZIONE HAIKU

Prima Classificata
CENCI PATRIZIA

Seconda Classificata
CENCI PATRIZIA

Terza Classificata
PARADISO SANTINA

Quarto Classificato
POCHIERO MICHELE

Quinto Classificato ex aequo
BARONI ALBERTO
COZZANI GABRIELLA

Diploma di finalista
BARONI ALBERTO
BIAGGINI MONICA
CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIELLA
CASCONE ROSARIO
CUGLIETTA MARIO
IACINO SERAFINA

Diploma di partecipazione
BALDINU STEFANO
BIAGGINI MONICA
CAMESASCA PATRIZIA
CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIELLA
CASCONE ROSARIO
GAZZARA SALVATORE
MODICA GIUSEPPE
RUSSO ROSE

SEZIONE “RACCONTO BREVE”

Prima Classificata
FESTI MORENA “Questa mia nuova libertà”

Seconda Classificata ex aequo
GARITO VERONIA “Il miniaturista”
LA MOGLIE SALVATORE “Il caporale”

Terza Classificata ex aequo
CARLUCCI FRANCESCO “I due angeli ribelli”
DE MARCO MARIA CONCETTA “Alice”

Premio letterario Atlantide
ÀMONO FRANCA “Una bella pagina del mio diario”

Premio Keramos
VALENZANO EMILIA “La cura”

Menzione di merito
CECCHINI PAOLA “Un messaggio di Stalin per te”
DI PIETRO UMBERTO “Primo amore”
MODICA GIUSEPPE “Un abbraccio di pace”
PACI GABRIELLA “La casa della strega”

Diploma di merito
CENCI PATRIZIA “Il primo ballo”
PARADISO SANTINA “Il torrente funesto”
RUSSO LAURA “Sono con te”
SCELFO RITA “L’albero della memoria”

SEZIONE “LIBRO DI POESIA”

Prima Classificata
PACI GABRIELLA “Dissonanze”

Seconda Classificata
MALITO ANTONIETTA “Trasparente, pensieri e poesie”

Terzo Classificato ex aequo
BALDINU STEFANO “Le creazioni amorose di un apprendista bottega”
ZANARELLA MICHELA “L’eredità del bosco”

Quarto Classificato
DI PIETRO UMBERTO “Nugolo di ricordi”

Premio Presidenza Atlantide
CHIRICOSTA ROSA “La Musica è di tutti”
DI PAOLO ANTONIETTA “Ricami intrecciati dal tempo”

Premio Magna Graecia “lingua dialettale”
CANINO ANGELO “…assettàtivi ca vi cunto”

Premio Speciale Magna Graecia
BERSINI IVANO “Metallic Paradise” / “Paradiso metallico”
CENCI PATRIZIA “Compagni di viaggio”

Encomio di merito
VIGNOLA IRIS “Emozional‘ispirazioni”

Premio Serigrafico
LA MOGLIE SALVATORE “Il mare in un bicchiere”
ROCCAMO DAVIDE “E Poe Sia”

Menzione di merito
FINDIKU KLAUDIO “Amata terra mia”
GHIDINI FRANCESCA BICE “La ricerca dell’infinito”
RUSSO PAOLO “Ombre verso l’aurora”


SEZIONE “FILASTROCCA”

Primo Classificato
POCHIERO MICHELE “Filastrocca d’autunno”

Secondo Classificato ex aequo
GARGANO ALFONSO “Girotondo del calore”
SPECCHIO LUIGI “Danzando con una sirena”

Terza Classificata
PARADISO SANTINA “Il rispetto”

Quarta classificata
AMONO FRANCA “Il galletto della vicina”

Menzione di merito
CENCI PATRIZIA “I sorrisi dei bambini”

Diploma di merito
BALDINU STEFANO “Un povero bassotto”
SPECCHIO LUIGI “Amore mozzafiato”
SCELFO RITA “Gli animali della campagna”

Diploma di finalista
IANNUZZI GENNARO “Il presepe di mio nonno”
MACRI’ GIOVANNI “Filastrocca contadina”
MODICA GIUSEPPE “Equinozio d’autunno”

Diploma di partecipazione
IACINO SERAFINA “L’amore”
VIGNOLA IRIS “Cos’è quello?...un fiore?”

 

SEZIONE “FAVOLA / FIABA”

Prima Classificata
VIGNOLA IRIS “La principessa velata”

Secondo Classificato
MACRI’ GIOVANNI “La palla”

Terza Classificata
GANCI GIUSEPPINA “L’albero magico e lo scoiattolo”

Quarta classificata
GIUBILEI VINCENZA “Favole e castagne”

Premio Serigrafico
BONFILIO MARGHERITA “Pongo va al mare”

Menzione di merito
DE MARCO MARIA CONCETTA “L’incarico”
MODICA GIUSEPPE “L’orsa Amarena e il cacciatore”

Diploma di merito
GANCI GIUSEPPINA “La piccola principessa Esterina”
GHIRIBELLI FRANCESCA “L’inverno sarà il nostro segreto”

Diploma di finalista
IACINO SERAFINA “Nonno e nipotino”
SCELFO RITA “Nel giardino delle fate”

 

SEZIONE “AFORISMI”

Prima Classificata
UNIDA MARIA LUIGIA

Seconda Classificata
VARGIU LAURA

Terza Classificata ex aequo
CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIELLA
SCELFO RITA
SPITALERI GIOVANNA

Quarto Classificato ex aequo
SCIALPI ALESSANDRO
SPECCHIO LUIGI

Menzione
LA MOGLIE SALVATORE

Diploma di merito
CORRADO MUTO
ILARIA SANSALONE

 

SEZIONE “PITTURA”

Primo Classificato
FINDIKU KLAUDIO “La Crocifissione”

Secondo Classificato
MAGNONE FIORENTINO “Il vico”

Terzo Classificato ex aequo
CESÀR BRUNO “Vitalità”
FINDIKU KLAUDIO “L’amore”

Premio Presidenza Atlantide
LA FAUCI ROSARIA “Scilla e Cariddi”

Premio Artistico Magna Graecia
BIAGGINI MONICA “La forza”
GHIDINI FRANCESCA BICE “Lo specchio delle anime”
IACINO SERAFINA “Una rosa per te, l’ho raccolta stasera”
IMPERIO DONATA “La contadina”
ORRU’ PATRIZIO “Rovine Greche Metaponto”
RUSSO LAURA “L’abbraccio”
RUSSO ROSE “In campagna”

Menzione di merito
CÉSAR BRUNO “Estasi”
MAGNONE FIORENTINO “Luogo del cuore”
ORRU’ PATRIZIO “Natura morta”

Diploma di finalista
CAMPAGNA MARIA GIUSEPPINA “Donna”
GIUBILEI VINCENZA “I dinosauri”

Diploma di partecipazione
CAMESASCA PATRIZIA “Veduta del lago dalla finestra”

 

FOTOGRAFIA A TEMA “I COLORI DELL’AUTUNNO”

Primo Classificato
LA ROCCA GIUSEPPE “Pioggia ottobrina”

Seconda Classificata
MAGONI DIANA “Autunno nel cuore”

Terza Classificata
CLAUDIA GRECO “Magico autunno”

Menzione di merito
MALITO ANTONIETTA “Appesi a un filo”

Diploma di merito
CAMPAGNA MARIA GIUSEPPINA “Cuore in autunno”
DODARO ELVIRA “Il rosseggiar dell’autunno”
DONNICI GIAMPIERO “Foglie d’autunno”
MODICA GIUSEPPE “Dalla rubedo d’autunno…alla Fenice”
TAGLIENTE GRAZIA “Viale dorato”

Diploma di finalista
ÀMONO FRANCA “I colori dell’autunno”
MAGONI DIANA “Inatteso apparire”
NOTTI MAURIZIO “Viale autunnale”

Diploma di partecipazione
CENCI PATRIZIA “Tramonto rosa”
FICCO LAURA “Uggiosa giornata d’autunno”

 

SEZIONE “ARTICOLO GIORNALISTICO”

Primo Classificato
RUSSO PAOLO - “La società che siamo diventati”

Secondo Classificato
MACRÌ GIOVANNI - “Faiano di Pontecagnano (SA): l’eccidio del 12 febbraio del 1992”

Terza Classificata ex aequo
BONFILIO MARGHERITA - “Paperone e la realtà, Platone e il mito”
SORRENTI VITO - “Nei labirinti dell’ignoto ci siamo anche noi”

Quarta Classificata ex aequo
PACI GABRIELLA - “La Toscana è terra di continue sorprese: il “mulino bianco” della Barilla si trova proprio nelle campagne senesi”
SCELFO RITA – “Borgo Borzellino, il Borgo fantasma”

Quinto Classificato ex aequo
LA MOGLIE SALVATORE - “L’opera e la poetica di Stefano d’Arrigo”
SPECCHIO LUIGI - “Lo sport oltre l’ostacolo nell’impresa di Alex Roca Campillo”

Premio Presidenza Atlantide
DODARO ELVIRA - “Il gelato” storia e curiosità
LA ROCCA GIUSEPPE - “Il tredici sul filo di lana”
STAITA MERELINDA - Parallelo letterario - “Eros” di Giovanni Verga e le “Ultime lettere di Jacopo Ortis” di Ugo Foscolo


Menzione di merito
CECCHINI PAOLA - “Un’alba color albicocca”
MODICA GIUSEPPE - “Torino: un aereo MB.339 delle Frecce Tricolori si schianta al suolo”

Diploma
SPECCHIO LUIGI - “ChatGPT trova la diagnosi per un bambino che soffriva da 3 anni: era stato visitato da 17 medici”
IACINO SERAFINA - “Parole al vento: come si cambia!”

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

SEZIONE A TEMA A: “LA PRIMAVERA”

Prima classificata

CIVELLO PALMA “Inutile fiorire”

 Seconda classificata

STEFONI LORETTA “Un’alba di epifanie bambine” 

Terzo classificatoDI PIETRO UMBERTO “Primavera”

 

Premio Presidenza Atlantide

FIORINO CARMELO “Primavera in Aspromonte”

GHIRIBELLI FRANCESCA “La donna delle farfalle”

LA FAUCI ROSARIA “Risveglio di primavera”

PATITUCCI FRANCESCA “Rose al solstizio sospese”

UNIDA MARIA LUIGIA “Nel luccichio del giorno”

 

Encomio di merito

LO BIANCO LUCIA “Crudeli i colori a primavera”

 

Premio Atlantide

DIDONNA RAFFAELE “Ballo di primavera”

GAZZARA SALVATORE “Meriggio primaverile”

 

Premio Erato

CENTI ADRIANA “La luce nel buio”

 

Premio Speciale Persephone

ANGORI DOMENICO “Buongiorno primavera”

DE LEO NINA “Fiori di zagara”

 

Premio Serigrafisud

SCUOLA PRIMARIA CASTIGNANO (AP) “Primavera”

 

Menzione

PERRONE CETTI “Una nuova vita”

VIGNOLA IRIS “Pel gradir di primaver’appena nata”

 

Diploma di merito

MODICA GIUSEPPE “Pensieri scuciti”

 

Diploma di finalista

AMONO FRANCA “Primavera”

CAMESASCA PATRIZIA “Il ritorno della primavera”

CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIA “Incanto”

CENCI PATRIZIA “Benvenuta primavera”

DONNICI GIAMPIERO “Canto”

IACINO SERAFINA “È primavera!”

LA ROSA KETTY “A Dio”

MAGNONE FIORE “Prima…vera”

ORLANDO FILOMENA “Primavera di bene”

PARADISO SANTINA “Il vero profumo di primavera”

ROMANIELLO GIANNI “Nell’aria pregna di primavera”

SCELFO RITA “Nuova nota: primavera!” (Tautogramma in N)

SPITALERI GIOVANNA “Il rinverdire della natura”

 

***********************

 

SEZIONE A TEMA B: "IL FIORE PIÙ BELLO SEI TU...MAMMA!"

Primo Classificato

DI PAOLO VALERIO “Preghiera a mia madre”

Seconda Classificata

ORLANDO FILOMENA “Madre con ali di Angelo”

Terza Classificata

TENISI MARISA “Mi manchi”

 

Premio della Critica

VIGNOLA IRIS “Affido, d’amor, un mio bacio”

 

Premio Presidenza Atlantide

RIZZO VALENTINA “Mamma”

 

Premio della Giuria

PARADISO SANTINA “Il mio albero”

SCELFO RITA “Ti ricordo così…cara mamma”

 

Encomio di merito

LO BIANCO LUCIA“Tu che scalavi le montagne”  (Dedicato a mia madre e al suo Monte San Calogero, Termini Imerese, PA)

 

Encomio

LIBERATORE ELISABETTA “Mia madre”

 

Diploma di merito

BALDINU STEFANO “Fila la lana” (a mia mamma)

CENCI PATRIZIA “Mamma” 

GARGANO ALFONSO “Ti ho…”  

IACINO SERAFINA  “Le mamme”

MODICA GIUSEPPE “Mia madre Margherita”

MONOPOLI GIOVANNI “Modulato canto”

PATITUCCI FRANCESCA “Il mio vento caldo”  (dedicata a mia madre)

 

Diploma di finalista

GAZZARA SALVATORE “Sorrisi di mamma”

LA MOGLIE SALVATORE “Mamma, quando la tua voce più non sentirò” 

MEZZAPELLE VITO “Mamma, luce della vita”

REDA CESARINO “Soltanto e sempre lei: mamma”

 

***********************

 

SEZIONE A TEMA C: “UNA POESIA PER LA PACE”

Primo Classificato

DI PAOLO VALERIO “Ucraina,  Natale 2022”

Seconda Classificata

LIBERATORE ELISABETTA “La pace ha le ali bianchissime”

Terza Classificata

LO BIANCO LUCIA  “Nata tra petali di polvere di pelle” (Dedicato ad Aya, la neonata sopravvissuta ai genitori nel terremoto in Siria del 10 febbraio 2023)

 

Encomio

BALDINU STEFANO “Il sogno di Oksana”

 

Menzione

FIORE FRANCESCO “C’è un arcobaleno”

VIGNOLA IRIS “Pace, qual d’amor compagna” 

 

Diploma di merito

DI PIETRO UMBERTO “Disgelo”

GARGANO ALFONSO “Girotondo”

GAZZARA SALVATORE “Falsi vessilli”

IACINO SERAFINA “La pace”

LA FAUCI ROSARIA “Pace”

LA MOGLIE SALVATORE “Ho visto di nuovo l’orrore, la stupidità e la follia della guerra”

MODICA GIUSEPPE “Semplicemente”

 

Diploma di finalista

AMELIO BIAGIO “Basta!”

CAMPAGNA MARIA GIUSEPPINA “La pace sarà”

CENCI PATRIZIA “Pace sia”

MONOPOLI GIOVANNI “Un pezzetto di pace”

PARADISO SANTINA “Sono solo un bambino”

REDA CESARINO “Tutti uguali”

RUSSO ROSETTA “Se avessi le ali”

SCELFO RITA “Vorrei che fosse…pace”

 

***********************

 

SEZIONE A TEMA D: “NO ALLA VIOLENZA SULLE DONNE”

Prima Classificata

VARGIU LAURA “E tu dormi”

Secondo Classificato

MODICA GIUSEPPE “Quel fiore per sempre perduto”

Terzo Classificato

ROMANIELLO GIANNI “Mi sento sola e divisa tra anima e corpo”

Quarta classificata

MASTROIANNI LAURA “Viso d’angelo”

 Quinto classificato

MONOPOLI GIOVANNI “L’ascolto della parola”

 

Premio Speciale Persephone

LA ROSA KETTY “Non è amore”

 

Menzione di merito

LO BIANCO LUCIA “E poi le altre” (alle vittime dei femminicidi)

RIZZO VALENTINA “Il battito del mio no che gioca al ribasso”

SCELFO RITA “Pensieri e speranze!”

UNIDA MARIA LUIGIA “Pelle di luna”

 

Menzione

BALDINU STEFANO “Marta” (ad una donna vittima di violenza)

D’AGRUSA GIUSEPPE Donne a piedi nudi”

 

Diploma di merito

DI PIETRO UMBERTO “Amico mio”

VIGNOLA IRIS “Era bella…”

 

Diploma di finalista

ANGORI DOMENICO “No alla violenza sulle donne”

CANINO ANGELO“Resterà il segno

CENCI PATRIZIA “Vita spezzata”

CENTI ADRIANA “Eroina invisibile”

FINSTRONE GIUSY “Vai via!”

FIORINO CARMELO “Là dove il mare…” (Rossella Casini)

GARGANO ALFONSO “Occhio nero”

LA FAUCI ROSARIA “Bambina”

IACINO SERAFINA  “Perché mi uccidi, uomo?”

PARADISO SANTINA “Gli uomini non sono tutti uguali”

REDA CESARINO “Prima si e mo’…basta”

 

***********************

 

SEZIONE A TEMA E BELLA ITALIA / "Luoghi, sapori, colori, tradizioni.."

Primo Classificato

BALDINU STEFANO “Sul molo audace una mattina di bora” (Trieste)

Secondo Classificato

MODICA GIUSEPPE “La vecchietta di Marina Corta”

Terza Classificata

SANTINA PARADISO Isola Blu” (Marzamemi)

Quarta Classificata

SCELFO RITA “Sicilia bella”

Quinto  Classificato

DI PIETRO UMBERTO “Calabria”

 

Premio Atlantide

DI LEGGE NATALINA “Molise”

 

Premio Serigrafisud

FIORINO CARMELO “Innamorarsi a Sirmione”

 

Menzione di merito

LO BIANCO LUCIA “Naufragio”

 

Diploma di merito

AMELIO BIAGIO“Amo l’Italia”

DE LEO NINA“Joppolo”

IACINO SERAFINA“Mareggiata a Chianalea”

LIBERATORE ELISABETTA “Le pietre del centro”

 

Diploma di finalista

CANINO ANGELO “I colori della Sila”

LA ROSA KETTY L’Arco” (Arcomagno-Calabria)

 

***********************

 

SEZIONE “POESIA EDITA”

Prima Classificata

LIBERATORE ELISABETTA “In carcere”

Secondo Classificato

MODICA GIUSEPPE “Il povero e il poeta”

 Terza Classificata ex aequo

CAMESASCA PATRIZIA “Sensazioni”

LO BIANCO LUCIA “Urla una donna nella pioggia”

 

Premio Stampa Atlantide 2023

FIORINO CARMELO “Rintocchi di campane a Lampedusa”

 

Premio Erato

IACINO SERAFINA “Le parole che non ti ho detto”

 

Premio Serigrafisud

SCELFO RITA “L’animo ti parla”

 

Menzione di merito

DI PAOLO VALERIO “4 luglio 2024” (a Patrizia)

LA FAUCI ROSARIA “Il tuo respiro”

PERRONE CETTI “Il sole che non riscalda”

 

Menzione

BALDINU STEFANO “Sera di Bogotà”

DONNICI GIAMPIERO “M’abbandono”

LA MOGLIE SALVATORE “Un sole zingaro”

PARADISO SANTINA “Il Natale dell’assenza”

STAITA MERELINDA “Una vita perduta”

 

Diploma di merito

CENCI PATRIZIA “Nel mio disordine”

 

Diploma di finalista

CASCONE ROSARIO “A Ginevra”

DI PIETRO UMBERTO “Ricorderai”

GARGANO ALFONSO “La declamatrice”

 

***********************

 

SEZIONE “POESIA INEDITA”

Primo Classificato

BALDINU STEFANO “Alla periferia del vento” (storia di Marja, ragazza zingara uccisa nel campo di concentramento di Auschwitz)

Secondo Classificato

DI FRANCIA BARBARA “Un altro sospiro”

Terzo Classificato

BIAGIO AMELIO “Braciere d’estate” (fuoco maledetto)

 

Premio Speciale Persephone

LITTA DANIELA “Sollevami”

 

Premio Erato

MEZZAPELLE VITO “Amaro è il Destino”

 

Premio Keramos

FINESTRONE GIUSY “Sempre io”

 

Premio Serigrafisud

PARADISO SANTINA “Correrò ancora incontro al vento”

REDA CESARINO “Promesse di adolescenti”

 

Menzione di merito

CASATI ROBERTO “Vagano parole nell’ultima notte”

DI PAOLO VALERIO “Per Aurora”

DONNICI GIAMPIERO “Scrivo”

FIORINO CARMELO “Tuonano le viscere del Medio Oriente”

LA ROCCA GIUSEPPE “La prima luna”

LO BIANCO LUCIA “Silenzio di passi a Mariupol”

MODICA GIUSEPPE “Il treno che non vedo”

SCELFO RITA “Migranti a Lampedusa”

TENISI MARISA “Vita fuggiasca”

VARGIU LAURA “Dove l’amore mette radici”

 

Menzione

LA FAUCI ROSARIA “Noi due”

ROMANIELLO GIANNI “Dove giace e tace l’amore assoluto”

 

Diploma di merito

D’AGRUSA GIUSEPPE “Ombra! Figlia della luce”

 

Diploma di finalista

BRUNO ALESSIA “Terra riarsa”

CASCONE ROSARIO “Io credo ancora”

CAVALLONE PATRIZIA “La Speranza”

CENCI PATRIZIA “Casa grande”

DE LEO NINA “La mia mente non ha più vent’anni”

DI PIETRO UMBERTO “Dolce ricordo”

FIORE FRANCESCO “Smarrita e nuda nel mondo è l’anima mia”

FOGGETTI MARIA “Aria”

GAZZARA SALVATORE “Il pensiero di fare”

IACINO SERAFINA “Salirò”

LA MOGLIE SALVATORE “Il fiume del tempo”

MAZZOTTA ALESSANDRO “Facciamo…la pace”

ORLANDO FILOMENA “A colpi di sogni”

 

***********************

 

SEZIONE “POESIA IN VERNACOLO”

Primo Classificato

MODICA GIUSEPPE “Pinséra 'o viéntu”

Secondo Classificato

D’AGRUSA GIUSEPPE “Sciusciaventu, sciuscia!”

Terzo Classificato ex aequo

CANINO ANGELO “A màglia e dèana”

CRISEO ROCCO “Me niputi”

Quarto  Classificato ex aequo

AMELIO BIAGIO ““Vecchjizza malata”

PERRONE CETTI “A forza di l’amuri”

Quinto Classificato

NOTTI MAURIZIO “A malasorte”

 

Premio Presidenza  Atlantide

AMONO FRANCA  “U Timpune mio”

MAZZITELLI AGATA “N’omucomu a ttìa”

 

Premio Speciale Persephone

GAZZARA SALVATORE  “ ‘Ddafinistredda”

LA FAUCI ROSARIA “A ficudinnia”

 

Premio Keramos

MAZZOTTA ALESSANDRO “Cugliandu cerasa” (a mio nonno)

 

Diploma di merito

DI PIETRO UMBERTO “ ‘Na bella mora”

STAITA MERELINDA “Sicilia Bedda”

 

Diploma di finalista

BALDINU STEFANO  “Dae su puntupiusartu de sa cara de Deu” (Marcu e sa soledade)

DE LEO NINA “U festival”

PARADISO SANTINA “‘A casta Maria d’Isnellu”

SCELFO RITA “‘A Vuccirìa”

 

***********************

 

SEZIONE “POESIA RELIGIOSA”

Primo Classificato

MODICA GIUSEPPE “Lui, Benedetto XVI”

Seconda  Classificata

LO BIANCO LUCIA “La mia vita non aveva colori” (per ricordare di Fratel Biagio Conte morto 12 gennaio 2023)

Terza Classificata

FOGGETTI MARIA “Francesco”

Quarta  Classificata

BRUNO ALESSIA “Ti prego, Signore”

Quinto Classificato

REDA CESARINO “Madre Teresa sempre e solo con il sorriso”

 

Encomio

FIORE FRANCESCO “Come uno spettro”

 

Menzione di merito

CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Ti cerco”

FICCO LAURA “Passione”

 

Diploma di merito

DI PIETRO UMBERTO “Madre Celeste”

IACINO SERAFINA “In un bimbo, tutti i bimbi del mondo”

MASTROIANNI LAURA “A Papa Francesco”

PARADISO SANTINA “Nei tuoi pensieri di santità”

 

Diploma di finalista

CANINO ANGELO “Vieni Signore”

CENCI PATRIZIA “Laudato sii, o mio Signore”

GAZZARA SALVATORE “Sangue e dolore”

GHIRIBELLI FRANCESCA “Matite fra le mani di Dio”

LA FAUCI ROSARIA “Lui”

LA MOGLIE SALVATORE “Scendi Dio, dal Regno dei Cieli”

SPITALERI GIOVANNA “Dirigente del mondo”

 

***********************

 

SEZIONE “VIDEOPOESA”

Prima Classificata

CAMPAGNA E. GRAZIELLA “Ricordi”

Seconda Classificata

VIGNOLA IRISI “Acqua”

Terzo Classificato ex aequo

CANINO ANGELO “Tiampijuti e ttìampi e mò”

PERRONE CETTI “Un giorno di festa”

Quarto Classificato

FIORE FRANCESCO “Ti maledico”

 

Premio Speciale Persephone

CIOCIOLA PINO “Spettri”

 

Diploma di finalista

CENCI PATRIZIA “Natale di speranza” 

 

***********************

 

SEZIONE “HAIKU”

Prima Classificata

CENCI PATRIZIA

Seconda Classificata

CAMPAGNA E. GRAZIELLA

Terzo Classificato

GAZZARA SALVATORE

Quarta Classificata

AMONO FRANCA

Quinta Classificata

SCELFO RITA

 

Diploma di finalista

CAVALLONE PATRIZIA

 

Diploma di partecipazione

BALDINU STEFANO

IACINO SERAFINA

MODICA GIUSEPPE

RUSSO ROSETTA

 

***********************

 

SEZIONE “LIBRO DI POESIA”

Prima Classificata

TENISI MARISA “Anche i rovi fioriscono” 

Secondo Classificato

RUSSO ALESSANDRO “Finchè il sangue non ci separi”

Terzo Classificato ex aequo

DONNICI GIAMPIERO “Riflessi di poesia”

ROMANIELLO GIANNI “Nell’ora s’ancora il non ancora”

 

Premio Presidenza Atlantide

CASATI ROBERTO “Appunti e carte ritrovate” (1988-2020)

CASCONE ROSARIO “Tentativi di poesia attraverso me”

 

Premio Erato

CENCI PATRIZIA “Compagni di viaggio”

 

Premio Atlantide

DE LEO NINA “Araba Fenice”

 

Premio Serigrafisud

CANINO ANGELO “Spizzicarìalli”

DI PIETRO UMBERTO DONATO “Invecchiare col sorriso” Rime spassose…e non!

FICCO LAURA “Note e sussurri nella nebbia”

LA MOGLIE SALVATORE “Il poeta è un minatore”

SIMBARI LUCA VINCENZO “Il sole in una mano”

 

***********************

 

SEZIONE “RACCONTO BREVE”

Primo Classificato

ANDREANI GABRIELE “Bruco”

Secondo Classificato

DE MARCO MARIA CONCETTA “Luisa”

Terzo Classificato ex aequo

DI PIETRO UMBERTO “Storie di viaggio”

FICCO LAURA“Salve, mia signora, posso? Sono io, Lorenzo”

 

Premio Presidenza Atlantide

CECCHINI PAOLA “L’orrore, l’umiliazione, la rinascita”

LA MOGLIE SALVATORE“Sibari, stazione di Sibari…”

 

Encomio

CRISEO ROCCO“Jassedh , il nero”

 

Menzione di merito

LO BIANCO LUCIA “Cala come velo il silenzio”

MODICA GIUSEPPE“Si spera non si torni a spigolare”

PARADISO SANTINA “Brividi sulla schiena”

 

Menzione

NOTTI MAURIZIO “Il mio paese!”

 

Diploma di merito

Cenci Patrizia “Un piccolo eroe per un giorno”

 

Premio Serigrafisud

IANNETTA PATRIZIA “Vivere”

 

***********************

 

SEZIONE “AFORISMA”

Prima Classificata

SPITALERI GIOVANNA

Secondo Classificato

SIMBARI LUCA VINCENZO

Terza Classificata

CAVALLONE PATRIZIA

 

Menzione

DI PIETRO UMBERTO

 

Diploma di merito

BALDINU STEFANO

CAMPAGNA EPIFANIA GRAZIA

CENCI PARIZIA

LA ROCCA GIUSEPPE

MODICA GIUSEPPE

SCELFO RITA

 

***********************

 

SEZIONE “FAVOLA/FIABA”

Prima Classificata

CENCI PATRIZIA “La principessa luce di stelle”

Secondo classificata

SCELFO RITA “La giraffa triste” (diversità come ricchezza)

Terzo classificato

GARGANO ALFONSO “Il re della foresta e i suoi sudditi”

 

Encomio

DE MARCO MARIA CONCETTA “Paolo”

 

Diploma di merito

GHIRIBELLI FRANCESCA “Sidhe-Il popolo delle colline”

MODICA GIUSEPPE “Il bambino e la gazza ladra” (una storia vissuta)

 

Attestato di partecipazione

IANNETTA PATRIZIA “Bontà e cattiveria”

 

***********************

 

SEZIONE “FILASTROCCA”

Prima classificata

SANTINA PARADISO “Acqua preziosa”

Secondo classificato ex aequo

DI PIETRO UMBERTO DONATO “Il cagnolino”

GARGANO ALFONSO “Girotondo del cinghiale”

Terza classificata

CENCI PATRIZIA “È carnevale”

Quarto classificato

BALDINU STEFANO “Piccola filastrocca della luna”

Quinta classificata

IACINO SERAFINA “Filastrocca del gatto Miciulù”

 

Diploma di merito

GHIRIBELLI FRANCESCA “I giorni della merla”

MODICA GIUSEPPE “Nuova vita”

SCELFO RITA “Se fossi…”

SIGNORETTI MARIO “Il mare”

 

***********************

 

SEZIONE “PITTURA”

Prima Classificata

ALIA AMALIA “Paesaggio in Calabria”

Secondo  Classificato

ORRU’ PATRIZIO “Spiaggia di Capriccioli - Arzachena (SS) “ 

Terza Classificata ex aequo

FAZZARI IRENE “Sguardo sul mare”

LA FAUCI ROSARIA “Il vecchio albero”

Quarto Classificato

MAGNONE FIORENTINO “Cavalli tra i girasoli”

Quinta Classificata

IACINO SERAFINA “Avevo un fiore rosso nei capelli”

 

Premio Erato

RUSSO ROSETTA “Gli angioletti di Raffaello”

 

Premio Atlantide

CAMPAGNA MARIA GIUSEPPINA “Rinascita”

 

Diploma di finalista

ALIA AMALIA “Ultimi raggi sulla pizzuta”

FAZZARI IRENE “Preludio di primavera”

MAZZITELLI AGATA “La bellezza”MN

 

***********************

 

SEZIONE “FOTO A TEMA SULLA PRIMAVERA”

Primo Classificato

LA ROCCA GIUSEPPE “Pioggia d’aprile”

Seconda Classificata

IACINO SERAFINA “La primavera preme”

Terza Classificata

MANCUSO AGNESE “Passato, presente, futuro”

 

Menzione di merito

DI FRANCIA BARBARA “I miei papaveri”

 

Menzione

MODICA GIUSEPPE “Alba di marzo”

 

Diploma di finalista

AMONO FRANCA “Le mie rose”

CACIOPPO VANESSA “Ninfa”

CAMPAGNA E. GRAZIELLA “L’albero della donna”

CAVALLONE PATRIZIA “Un tripudio di colori in tavola”

 

**********************

 

SEZIONE “FOTO A TEMA LIBERO”

Prima Classificata

CACIOPPO VANESSA “Persefone”

Secondo Classificato

LA ROCCA GIUSEPPE “Viola al tramonto”

Terzo Classificato

MAGNONE FIORE “Il nostro pane quotidiano”

 

Premio Speciale Persephone

CAVALLONE PATRIZIA “Il tramonto”

CENCI PATRIZIA “Amore puro”

DODARO ELVIRA “Finalmente, la luce”

DONNICI GIAMPIERO “Visione di mare”

 

Premio Serigrafisud

IACINO SERAFINA “Il riposo del guerriero”

 

Menzione

CIVELLO PALMA “Giorno di mercato per tutti”

DI PIETRO UMBERTO “Randagio” (Roma, 1960)

MASTROIANNI LAURA “Pensieri all’orizzonte”

MODICA GIUSEPPE “Angelo di fuoco”

SCELFO RITA “Chiare, fresche, dolci acque …primaverili”

 

***********************

 

SEZIONE “ARTICOLO GIORNALISTICO”

Prima classificata

LO BIANCO LUCIA “Correndo troppo non l’avevo mai notata”  Cronaca di una Palermo riscoperta a piedi

Secondo classificato

MODICA GIUSEPPE “Sisma catastrofico in Turchia e Siria. Quei bambini che con tutta la loro forza si sono aggrappati alla vita”

Terzo classificato ex aequo

STAITA MERELINDA “Verga a Firenze, capitale letteraria e politica”

LA MOGLIE SALVATORE “Italo Calvino a 100 anni dalla nascita”

 

Premio Presidenza Atlantide

SCELFO RITA “Palermo - Cento murales in giro per il mondo: il ritratto del Giudice Falcone l’ opera più bella”

SIGNORETTI MARIO “Chi di spada (non) ferisce…”

 

Premio Serigrafisud

CAVALLONE PATRIZIA “Scuola e società”

CECCHINI PAOLA “Amori e intrighi fino all’inevitabile resa dei conti: Mozart docet!”

DODARO ELVIRA “La storia delle Borse europee”

 

Diploma di finalista

IACINO SERAFINA “Pensieri in libertà”

 

 

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

SASSARI - Il tappeto di Nule è il vero gioiello di questo piccolo centro artigiano della provincia di Sassari. Si caratterizza per la decorazione detta “a fiamma” e per i molteplici accostamenti cromatici. Esso è realizzato interamente a mano da abilissime artigiane che lavorano su telai verticali, alternando la lana di pecora bianca con quella nera. Una delle peculiarità di questi tappeti, creati con la tecnica detta “ a stuoia”, è quella di essere doubleface: presentano cioè sul retro, lo stesso disegno e la stessa rifinitura di lavorazione del lato “buono”.
Dietro specifica richiesta possono essere realizzati tappeti di qualsiasi dimensione e disegno, fermo restando però che la larghezza non può in ogni caso superare i 2 metri. I colori così accesi, introdotti a partire dai primi decenni del Novecento, sono quasi tutti di origine naturale, quindi da piante locali.
Secondo la leggenda il “moro Bolìn”, invaghitosi di “Milena”, una giovane tessitrice di Nule, le propose di sposarlo, in cambio le avrebbe trasmesso il segreto per ottenere i colori dalle erbe. Milena accettò e Bolìn mantenne la promessa insegnando alla sua giovane sposa come usare le varie erbe naturali per tingere la lana.
Da un gesto d’amore nascono le caratteristiche e variopinte fiamme: disegni geometrici romboidali, dai colori vivaci. La fiamma, rappresenta infatti sia l’ardore del sentimento che il focolare simbolo della famiglia.
ll grande impatto visivo di questi eccezionali manufatti fanno si che i tappeti di Nule siano dei pezzi ricercatissimi.

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

- L'Associazione culturale "Atlantide - Centro studi nazionale per le arti e la letteratura"
- Il gruppo "Apri il cuore alla poesia",
- Il quotidiano d'informazione online "La VOCE agli italiani"

promuovono il
Sesto Premio artistico letterario internazionale
MAGNA GRAECIA ARTE e POESIA 2023

Scadenza sabato 30 settembre 2023

 400 (QUATTROCENTO) PREMI IN PALIO!

Leggi tutto...

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

Questo di sette è il più gradito giorno,
Pien di speme e di gioia:
Diman tristezza e noia
Recheran l’ore, ed al travaglio usato
Ciascuno in suo pensier farà ritorno.

 

***********


350 (TRECENTOCINQUANTA) PREMI IN PALIO

Il premio artistico letterario, promosso dall'Associazione culturale "Atlantide - Centro studi nazionale per le arti e la letteratura" e dal gruppo “Apri il cuore alla poesia", in collaborazione con il quotidiano d’informazione online e periodico cartaceo “La VOCE agli italiani”, la “Serigrafisud edizioni”, con il patrocinio di diverse associazioni culturali, si articola in 13 sezioni:

a) SEZIONE A TEMA IN LINGUA ITALIANA: "IL SABATO DEL VILLAGGIO..."
(I partecipanti possono trattare le seguenti tematiche: gioventù, vecchiaia, felicità, gioia, attesa, illusione e disillusione, noia e tristezza)

b) POESIA IN LINGUA ITALIANA
(edita o inedita, a tema libero, senza limiti di lunghezza);

c) POESIA IN VERNACOLO
(a tema libero, senza limiti di lunghezza, con relativa traduzione);

d) POESIA RELIGIOSA
(in lingua italiana, a tema libero, senza limiti di lunghezza);

e) SEZIONE VIDEOPOESIA
(a tema libero, durata audio/video 5 minuti, titoli compresi, pubblicata su youtube);

f) HAIKU
(a tema libero, in lingua italiana, edito o inedito)

g) RACCONTI BREVI
(a tema libero, in lingua italiana, editi o inediti, della lunghezza massima di 10mila battute - spazi inclusi).

h) FILASTROCCHE
(a tema libero in lingua italiana, edite o inedite, senza limiti di lunghezza);

i) LIBRO EDITO DI POESIA
(a tema libero, in lingua italiana. Sono ammessi solo file in pdf).
Per questa sezione si richiede gentilmente l'invio del file almeno una settimana prima
ii) della scadenza del concorso;

l) PITTURA
Sono ammesse tutte le tecniche pittoriche (olio, acrilico, inchiostro, vinile, acquerello, grafite, matita, etc.), su qualsiasi supporto (tela, carta, legno, plastica, ferro, pietra, etc.) e valorizzati tutti gli stili ritrattistici, in piena libertà espressiva. La fase di selezione avviene sulla base del materiale fotografico inviato dai partecipanti al momento dell'iscrizione. Ogni autore dovrà inviare via E-MAIL un'immagine (formato JPG) di una propria opera pittorica, con il titolo e le indicazioni circa la tecnica e le dimensioni;

m) FOTOGRAFIA A TEMA "I colori dell'estate"
(Si può partecipare con un'opera fotografica, a colori o in bianco e nero, in formato jpg, accompagnata dal titolo).

n) FOTOGRAFIA A TEMA LIBERO
(Si può partecipare con un'opera fotografica, a colori o in bianco e nero, in formato jpg, accompagnata dal titolo).

o) ARTICOLO GIORNALISTICO
Ogni autore può inviare un testo in lingua italiana, che tratti argomenti di cronaca, attualità, società, sport, cultura, storia, tradizioni, senza limiti di lunghezza.

ART. 1 - Il Concorso è aperto ad autori italiani e stranieri. Per quanto riguarda le liriche scritte in lingua straniera, è obbligatorio allegare la traduzione in lingua italiana.

ART. 2 - Gli elaborati devono pervenire, in formato word, entro la mezzanotte
di mercoledì 31 maggio 2023, all'indirizzo di posta elettronica:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Non si accettano iscrizioni dopo la data della scadenza indicata.

ART. 3 - Per la partecipazione al concorso, è necessario indicare i dati personali dell'autore: nome, cognome, indirizzo, recapito telefonico, mail, e allegare una foto personale.

ART. 4 - Le opere finaliste saranno sottoposte alla valutazione di una Commissione giudicatrice competente, il cui giudizio è insindacabile.

ART. 5 - La data della proclamazione dei vincitori è fissata per giovedì 29 giugno 2023;

ART. 6 - Il contributo di partecipazione è fisso e ammonta a 10 euro (si può partecipare con una /o due opere anche della stessa sezione);
ogni opera aggiuntiva comporta una spesa di 5 euro per ogni sezione.
I nostri associati hanno diritto ad uno sconto del 20% sulla quota di iscrizione.
- La ricevuta dell'avvenuto versamento va trasmessa al momento dell'iscrizione all'indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Il pagamento va effettuato sul Conto Banco Posta N. 001050304771
intestato a: "Atlantide" - Centro studi nazionale
per le arti e la letteratura.
codice Iban: IT11T0760116200001050304771

PREMI E RICONOSCIMENTI
ART. 7 - Ai vincitori delle varie Sezioni saranno assegnati i seguenti premi:
1° Classificato: scultura artistica realizzata
dal maestro Telemaco Tucci
e diploma personalizzato;
2° Classificato: scultura artistica realizzata
dal maestro Telemaco Tucci
e diploma personalizzato;
3° Classificato: scultura artistica realizzata
dal maestro Telemaco Tucci
e diploma personalizzato;

Sono previsti 3 (tre) riconoscimenti speciali: "Premio Cultura 2023".
Saranno assegnati, altresì: Premi speciali Presidenza della giuria. Critica, Erato, Keramos, Serigrafisud, Premio Stampa, ecc..

Il costo della spedizione dei premi e delle pergamene è a carico dei partecipanti.

ART. 8 - Si assicura il trattamento dei dati personali, in base alle disposizioni di legge vigenti.

ART. 9 - La partecipazione al Premio comporta l'accettazione incondizionata
del presente regolamento in tutte le sue parti.

 

 

 

Altri articoli...